MERCATO SORRENTO: ESPLODE IL CASO GUARRACINO-AMODIO

MERCATO SORRENTO: ESPLODE IL CASO GUARRACINO-AMODIO

Le nostre denunce si sono rivelate, e non c’erano dubbi, esatte. Il Sorrento tirato in ballo per i comportamenti poco consoni e sportivi del suo allenatore conferma di avere sulla panchina e nella dirigenza un gatto e una volpe che pensano di fare il bello e il cattivo tempo. Il gioco è chiaro, chiamano i calciatori, gli offrono una cifra che gli danno regolarmente ma vanno in società e la raddoppiano. Poi vanno al contrattacco contro il procuratore del calciatore in questione, lo screditano nei confronti dello stesso calciatore ed eventualmente della famiglia. Ad oggi sono almeno undici i rifiuti di calciatori tra under e over che hanno capito il gioco e si sono allontanati. Ma la goccia che ha fatto traboccare il metaforico vaso è stato il calciatore Michele Talia classe 98 il quale chiamato da Guarracino per farlo firmare con il Sorrento ha accettato, un noto avvocato ha fatto la trattativa chiudendo per 500 euro al mese più vitto e alloggio e naturalmente la parcella per la consulenza. Dopo aver pattuito questa situazione Amodio ha prima chiamato il padre del calciatore sostenendo che i procuratori non servono quindi eludendo l’eventuale intervento del consulente, in questo caso, e cercando di stringere per far chiudere il calciatore. La situazione è crollata perché il ragazzo si è indignato per quanto è successo e almeno al momento ha bloccato la trattativa. Sul giocatore si sono fiondate tre squadre: l’Agropoli, il Rende e la Casertana ma questa è altra storia. Rimane il modus operandi di Guarracino e Amodio sicuramente discutibile oltre ogni etica professionale e comportamentale. Non a caso il mercato del Sorrento è bloccato. Possiamo fare anche i nomi di moltissimi calciatori che hanno rifiutato perché risucchiati nella morsa dell’attività dei due. Di fatto hanno capito tutti che eludono i procuratori, chiedono di più alla società rispetto a quanto hanno pattuito con i calciatori e il resto è cosa nota. E’evidente che questo prima o poi arriverà sui tavoli della procura federale e quindi i comportamenti saranno vagliati da chi di dovere. Se poi alcuni giocatori come hanno riferito faranno presente questa situazione in più luoghi istituzionali ben presto si capirà perché Guarracino non avrà panchina lunga a Sorrento. Per quanto concerne Amodio chiaramente attivo nel mercato del Sorrento va valutata anche la sua posizione quando afferma di essere molto vicino alla Spal. Sergio Vessicchio

Categories: SERIE D

About Author