GUARRACINO,L’ALLENATORE CHE TUTTI BUTTEREBBERO DALLA TORRE

GUARRACINO,L’ALLENATORE CHE TUTTI BUTTEREBBERO DALLA TORRE

Il 2018 consegna agli archivi un allenatore che senza aver vinto il campionato allena in Serie D con il Sorrento.E’ sotto gli occhi di tutti l’evidente imbroglio con il quale il Sorrento allenato da Guarracino è andato a fare lo spareggio.Grazie ad un gol valido annullato ad un giocatore della Virtus Avellino,i costieri hanno potuto svolgere lo spareggio contro l’Agropoli senza quel gol fatto annullare da Conforti di Salerno l’Agropoli oggi si troverebbe in Serie D e invece ci fu lo spareggio che il Sorrento meritò di vincere sul campo dopo aver perso due partite con l’Agropoli tra andata e ritorno.Si arrivò a quello spareggio anche perché all’Agropoli furono dati due punti di penalizzazione,cosa molto strana perché l’Agropoli aveva messo apposto le vertenze visto che era stata anche messa nella lista dei ripescaggi.Ma che cosa strana! Ebbene se Guarracino,che comunque i suoi meriti tecnici ce li ha,fosse stato un allenatore esaltato dal sistema e dal calcio campano in generale sarebbe stato normale.Ma perché tutti ce l’hanno con Guarracino? Il dado è presto tratto.Atteggiamenti da daspo,inveisce contro i calciatori della sua squadra e avversari,inveisce contro i colleghi allenatori,inveisce contro le dirigenze avversarie,inveisce contro i giornalisti.Adotta un linguaggio molto colorito e pieno di offese per chiunque.Da quando abbiamo conosciuto questo Guarracino e ne abbiamo descritto i comportamenti abbiamo ricevuto tantissimi messaggi di approvazione e di consenso,anche qualche dissenso.Ma è notoria l’antipatia che il sistema ha nei confronti di questo allenatore.Perché è un vincente? Perché è bravo? Sono tutti invidiosi? No,è perché non si comporta come uno sportivo e quindi è generale il disappunto verso questo allenatore che non viene sostituito dal Sorrento solo perché ad organizzare la società è stato proprio Guarracino.Mica si può auto esonerare? Di qui il metaforico detto “Guarracino giù dalla torre” e peccato che per colpa di Guarracino qualcuno viene sbeffeggiato perché addirittura lo esalta negli articoli.Questo capita quando da fotografi ci si vuole inventare giornalisti eppure proprio i fotografi dovrebbero avere il senso dell’obbiettività perché hanno a che fare con l’obiettivo.Ma l’inciviltà intellettuale supera ogni filosofia concettuale dell’etica professionale.E a noi in queste cose ci piace sguazzare.Perciò Guarracino,e lo sentiamo dire su tutti i campi dove andiamo,attira antipatie che mettono d’accordo proprio tutti.All’uomo della strada verrebbe da dire l’antipatia di chi scrive deriva dalla vittoria del Sorrento sull’Agropoli,questa poi è l’esaltazione dell’ignoranza pura.Lo diciamo per storia,per equilibrio e per ricordarlo a chi fa finta di non saperlo.Sergio Vessicchio

Categories: DILETTANTI, SERIE D

About Author