ARZANESE, CUOMO CREDE NELLA SALVEZZA: “IL GRUPPO E’ CONCENTRATO”

ARZANESE, CUOMO CREDE NELLA SALVEZZA: “IL GRUPPO E’ CONCENTRATO”

L’Arzanese ha fame di punti. Si tratta di un appetito che non è stato affatto placato dal quattro a due sul Grottaglie, né tantomeno dal prezioso pari di Manfredonia. Scalare i bassifondi della classifica, attività che ai biancocelesti sta riuscendo bene, è un esercizio estremamente dispendioso dal punto di vista delle energie. Miglior modo per rinvigorire le forze necessarie a tale compito è la vittoria. Per questa ragione, l’Arzanese, chiamata all’arduo compito di affrontare il Taranto, non può né vuole farsi spaventare dal blasone e dalla classifica dei pugliesi.

Il rispetto nei confronti dei rossoblu è intenso, ma non si traduce in una resa aprioristicamente incondizionata. Ad assicurarlo, a pochi giorni dalla delicatissima sfida valida per il ventisettesimo turno del girone H di Serie D, è Alberto Cuomo, responsabile dell’Ufficio Stampa della società arzanese. “Il Taranto ci è superiore a livello tecnico – riconosce Cuomo -; lo dice il loro cammino, tradottosi in una posizione di classifica di altissimo livello”. Ma l’Arzanese non parte sconfitta, anzi. Vuole giocarsela contro gli ionici, provando a sfruttare al meglio i proprio punti di forza. “Sarà una partita delicata – prosegue Cuomo -, il cui esito non sarà però determinato unicamente dal fattore tecnico. C’è da tener conto anche della condizione psicofisica e, sotto tale aspetto, credo che l’Arzanese possa dire la sua. Rispettiamo chiunque, a maggior ragione una squadra prestigiosa qual è il Taranto, ma abbiamo l’obbligo di dare il massimo, a prescindere dall’avversario”.

La voce di Cuomo, rappresentativa degli umori interni alla dirigenza biancoceleste, fa capire che l’Arzanese ci crede e segue fedelmente Potenza. Il tecnico della svolta, quello che sta provando a plasmare le sembianze di un obiettivo, la salvezza, che fino ad alcuni mesi fa restava imprigionato nell’universo delle utopie. “Qui c’è gruppo abbastanza importante – dichiara Cuomo -, e Potenza ha portato equilibrio in molte situazioni. Prima del suo arrivo avevamo soltanto sei punti, ora ne abbiamo molti di più”. Una metamorfosi ben evidente, a giudizio di Cuomo ascrivibile principalmente al terzo tecnico succedutosi sulla panchina biancoceleste nel corso dell’attuale stagione, e che potrebbe confluire nel mantenimento della categoria. “Tutto il gruppo, dai giocatori al mister, dal sottoscritto al direttore Matrisciano, fino ad arrivare al presidente, è concentratissimo sull’obiettivo salvezza – afferma Cuomo -. Sappiamo che non è facile, perché ci sono squadre agguerrite, la classifica è corta, ed ogni domenica può capitare di tutto. Forse abbiamo steccato qualche gara ma, a mio avviso, la serie di pareggi che abbiamo inanellato non è assolutamente da gettar via. Nella lotta per non retrocedere, anche un singolo punto può essere importantissimo”.

Cuomo preserva il lavoro dell’Arzanese, e condivide la politica dei piccoli passi tanto cara a Potenza. “Restiamo concentrati, continuando a far bene, e sono convinto che potremo raccogliere belle soddisfazioni. Ora abbiamo il Taranto, poi saremo ospiti della Cavese, dopodiché riceveremo la Puteolana; si tratta di tre partite fondamentali, che diranno tanto circa il nostro futuro. Affrontiamole con grande serenità – consiglia in conclusione Cuomo – concentrandoci di volta in volta sul singolo avversario, e provando a mantenere ben salda la mentalità mostrata negli ultimi mesi”.

Categories: SERIE D

About Author