BUFFON NON PIANGA PER QUESTA NAZIONE CHE NON GLI HA RISPARMIATO NULLA di Sergio Vessicchio

BUFFON NON PIANGA PER QUESTA NAZIONE CHE NON GLI HA RISPARMIATO NULLA    di Sergio Vessicchio

Noi possiamo comprendere il pianto a dirotto di un uomo vero, di un grande professionista, di un portiere fantastico come Buffon, lui ha pianto per istinto, perché è uno che ci crede in quello che fa, legato alla maglia della Nazionale dell’Italia e crediamo che questa la dice lunga sulla valenza morale dell’uomo.Buffon non ha pianto quando ha perso le finali di Coppa dei Campioni forse perché sapeva che ne avrebbe fatte altre, lui voleva il sesto mondiale, i suoi detrattori diranno che è un pianto egoistico.E noi forse lo speriamo pure.Questa è una Nazione che da 20 anni lo mette nella centrifuga delle accuse pesanti.Buffon è tacciato di “giocarsi le partite”, di manipolare i risultati, di prendere gol perché si è giocato le bollette.Buffon viene insultato per non aver ricevuto il pallone d’oro perché la Gazzetta dello Sport avviò un’inchiesta portata poi avanti dalla federazione sull’acquisto di un tabacchino perché la doveva “giocare”.Questa nazione a Buffon lo ha insultato, lo ha deriso, lo ha malmenato psicologicamente fino a farlo arrivare ai limiti della depressione come rivelò successivamente.Ha fatto bene se ha pianto per se stesso, come dicevano oggi sui blog e sui giornali.Questa è una nazione che fa schifo, oltre a non andare al mondiale non andrebbe iscritta nemmeno nel firmamento del calcio europeo.Calcisticamente l’italia è la merda mondiale.Basti pensare che un gioiello di squadra, di società, di organizzazione come la Juventus viene accusata e processata costantemente invece di aizzar la bandiera con orgoglio.Questo calcisticamente è un popolaccio, la FIGC è una porcheria.Ma quale lacrime Buffon? Non pianga il portierone bianconero per questa gentaglia che non gli ha risparmiato niente, non pianga per questi corrotti intellettuali, per questa sporcizia che gira per i campi di calcio e sugli spalti, sui social e nei marciapiedi.L’Italia calcistica non merita rispetto, merita di essere affossata.L’anno prossimo 4 squadre parteciperanno alla Coppa dei Campioni questo solo per merito della Juve e di Buffon e invece: processi televisivi, inchieste fasulle inventate ad arte, bar di sotto e bar di sopra, arbitri condizionati dal sistema contro la Juventus, ma di cosa stiamo parlando? L’Italia calcistica è di una bastardaggine vergognosa! Da Tavecchio a Lotito, dalla Serie C ai dilettanti, partite vendute, calcio scommesse, giocatori drogati, giocatori sul lastrico e questa federazione pensa a fare i processi alla Juventus.Se Buffon piange perché questo sistema marcio anti Juventus non va ai mondiali e allora faccia presto, se ne vada dalla Juventus, si tolga la fascia di capitano e non si faccia più vedere.Invece, come noi crediamo, nelle lacrime di Buffon, a dispetto di quanto ha detto c’è un addio al calcio e l’amarezza di non vedere assegnata alla sua Juventus la palma che le spetta.Fuori sempre con questi dirigenti e con questi elementi.La Nazionale d’altra parte è anche fastidiosa.Una volta era la Nazionale ora è la nazioriundi.Andassero a cagare loro e chi ce li ha messi.Grazie Svezia per questo regalo, speriamo di averne tanti ancora. Sergio Vessicchio

Categories: EDITORIALE

About Author