IL CSI SALERNO ORGANIZZA IL CAMPIONATO DEDICATO AGLIi ORATORI

IL CSI SALERNO ORGANIZZA IL CAMPIONATO DEDICATO AGLIi ORATORI

Il presidente del Comitato Provinciale CSI di Salerno, Mimmo Credentino, ha organizzato il primo campionato di calcio dedicato agli oratori che inizierà nelle prossime settimane. ”Abbiamo davvero fatto tanti sacrifici – dichiara Credentino – Siamo contenti, però, perchè coinvolgeremo i ragazzi degli oratori, ma poco importa il risultato. In realtà il nostro obiettivo, come educatori ed uomini di sport è quello di aiutare i giovani a crescere, assimilando i veri valori della vita, come l’amicizia e la fraternità, contribuendo alla loro sana crescita e proponendo momenti di aggregazione. Nella società moderna, dove gli adolescenti trascorrono troppo tempo in bar e circoli, sono sempre connessi ad internet con cellullari e computer, vogliamo che imparino il valore dello stare insieme e conoscersi non solo virtualmente, ma anche interagire di persona, frequentando l’oratorio e società sportive, facendo attività fisica. Peraltro, durante l’anno siamo molto attivi come CSI Salerno, con tornei che si rivolgono a svariate fasce d’età, ma confidiamo che il campionato dedicato agli Oratori sia la prima di una lunga serie e che diventi un appuntamento fisso”.

Art. 1 – Tipologia, disciplina e categorie d’età
La “Junior TIM Cup 2015 – Il Calcio negli Oratori” è un torneo di calcio a 7 rivolto a squadre di ragazzi e
ragazze degli oratori, o riconducibili ad essi, nati dal 01.01.2001 al 31.12.2003.
Art. 2 – Location
Il Torneo si svolgerà nelle province di Bergamo, Cagliari, Cesena, Empoli, Firenze, Genova, Milano,
Napoli, Parma, Reggio Emilia-Modena, Palermo, Roma, Torino, Udine e Verona. La Direzione Tecnica
Nazionale del CSI potrà, a seconda della situazione, coinvolgere altri Comitati della stessa regione.
Art. 3 – Adesioni
Le squadre potranno aderire all’iniziativa iscrivendosi presso il Comitato Csi di riferimento indicativamente
15 giorni prima dell’inizio della “Fase Oratoriale”.
Art. 4 – Riunione tecnica di presentazione
Le squadre iscritte verranno contattate dai Comitati Csi di riferimento per la riunione tecnica di
presentazione in cui si svolgerà il sorteggio e/o la consegna dei Calendari gare.
Art. 5 – Affiliazione e tesseramento
Le squadre partecipanti dovranno essere in regola con l’affiliazione al CSI per la stagione sportiva in corso.
Gli atleti e i dirigenti dovranno essere tesserati al CSI (“tessera ordinaria – AT”) in data antecedente alla prima
gara cui partecipano e comunque non oltre il 28 febbraio 2015.
Gli atleti di una squadra non possono essere ceduti in prestito o “scambiati” con altre squadre partecipanti al
Torneo.
Art. 6 – Struttura della manifestazione
Il Torneo, strutturato in “Fasi oratoriali” e “Finale Nazionale”, si svolgerà nel periodo tra novembre e aprile
2015, con la seguente articolazione:
 Fasi oratoriali
Le “Fasi oratoriali” si potranno svolgere da dicembre 2014 fino al 3 maggio 2015.
La formula di svolgimento sarà definita dal Comitato territoriale in base al numero di squadre partecipanti.
 Finale Nazionale
Alla “Finale nazionale” verranno ammesse le squadre vincitrici delle 15 “Fasi oratoriali” e la seconda
classificata della “Fase Oratoriale” con il maggior numero di squadre partecipanti. Un apposito regolamento
verrà redatto per la Finale Nazionale.
Art. 7 – Tutela sanitaria
Come da Comunicato Ufficiale n.2 della Direzione Tecnica Nazionale del 2 ottobre 2014, in attesa
dell’ufficializzazione delle “Linee guida per la certificazione medica per chi pratica attività sportiva NON
AGONISTICA” del Ministero della Salute, tutti gli atleti dovranno presentare il certificato medico di idoneità
alla pratica sportiva AGONISTICA soltanto al compimento dei 12 anni.
Art 8 – Giustizia sportiva
La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI.
Art. 9 – Norma di rinvio
Per quanto non contemplato dal presente Regolamento vigono lo Statuto ed i “Regolamenti Nazionali
dell’Attività Sportiva – Sport in Regola” del Centro Sportivo Italiano. (cfr. art 13 – NAS e succ.).3
Art. 10 – Responsabilità
La Presidenza Nazionale del Centro Sportivo Italiano, unitamente ai Comitati interessati, declina ogni e
qualsiasi responsabilità per eventuali danni, incidenti o infortuni ad atleti e terzi, fatto salvo quanto previsto
dalla parte assicurativa del tesseramento.
NORME TECNICHE DI GIOCO
Art. 11 – Riferimento normativo
Si applicano le regole di gioco del calcio a 11 con le seguenti specifiche o variazioni.
Art. 12 – Il campo di gioco
Le dimensioni del terreno di gioco devono avere dimensioni comprese tra:
Lunghezza: misure minime 50 m misure massime 70 m
Larghezza: misure minime 40 m misure massime 50 m
Le dimensioni della porta: da 4 x 2 metri a 6 x 2 metri.
Art. 13 – Pallone
Verrà utilizzato un pallone misura 4 a rimbalzo normale.
Art. 14 – Durata delle gare
Due tempi di 25 minuti ciascuno.
Art. 15 – Atleti e dirigenti
Ogni squadra potrà tesserare un numero illimitato di atleti e dirigenti; tuttavia ad ogni gara dovrà presentare
una distinta di gioco con un massimo di 12 atleti e 2 dirigenti o allenatori.
I partecipanti alla gara (atleti, dirigenti, tecnici), oltre ad essere tesserati CSI, dovranno comprovare anche la
loro identità.
Il riconoscimento dei partecipanti alla gara può avvenire con una delle seguenti modalità:
1. attraverso uno dei seguenti documenti con foto, in originale:
– carta di identità
– passaporto
– patente di guida
– porto d’armi
– tessera di riconoscimento militare
– tessera di riconoscimento d’una pubblica amministrazione
– libretto o tessera universitaria
– permesso di soggiorno
– foto autenticata rilasciata dalla scuola frequentata, dal Comune di residenza o da un Notaio
– tessera dell’azienda della quale si è dipendenti munita di foto e riportante i dati anagrafici.
In questi casi l’indicazione del tipo e numero del documento di riconoscimento devono essere riportati
nell’apposita sezione degli elenchi.
2. attraverso la tessera CSI con foto.4
Art. 16 – Punteggi
Saranno attribuiti i seguenti punteggi:
3 punti in caso di vittoria;
1 punto in caso di pareggio;
0 punti in caso di sconfitta.
Art. 17 – Sostituzioni
Ogni squadra potrà effettuare sostituzioni, in numero illimitato, a gioco fermo e con il consenso del direttore
di gara. Le sostituzioni vanno realizzate in corrispondenza della linea di centrocampo.
Art. 18 – Classifiche
In caso di parità di punti tra due squadre dello stesso girone, per la determinazione della priorità in classifica,
si terrà conto del risultato dell’incontro diretto.
Se lo stesso fosse finito in parità, si terrà conto:
– del maggior numero di vittorie nel girone;
– della differenza reti del girone;
– del minor numero di punti disciplina;
– del maggior numero di reti segnate nel girone;
– del minor numero di reti subite nel girone;
– nel caso in cui perdurasse la parità si procederà con il sorteggio.
In caso di parità di punti tra tre o più squadre dello stesso girone, per la determinazione della priorità in
classifica:
– verrà stilata una classifica avulsa considerando solo i risultati delle gare tra le squadre coinvolte.
In caso di ulteriore parità si terrà conto nell’ordine:
– maggior numero di vittorie nella classifica avulsa;
– differenza reti nella classifica avulsa;
– minor numero di punti disciplina (Tabella A – Classifica “Fair play”);
– maggior numero di vittorie nel girone;
– differenza reti del girone;
– maggior numero di reti segnate nel girone;
– minor numero di reti subite nel girone;
– nel caso in cui perdurasse la parità si procederà con il sorteggio.
Per definire la squadra meglio classificata tra gironi diversi, si terrà conto nell’ordine:
– media punti (punti fatti/partite disputate);
– media differenza reti (differenza reti/partite disputate);
– media punti disciplina (punti disciplina/partite disputate);
– media reti realizzate (reti fatte/partite disputate);
– nel caso in cui perdurasse la parità si procederà con il sorteggio.
Art. 19 – Classifica disciplina
Per ogni provvedimento disciplinare, comminato ad atleti e a dirigenti durante tutte le Fasi, viene attribuito
un punteggio;
– Atleti: Ammonizione p. 0,5; Espulsione temporanea p 1,0; Squalifica, per ogni giornata di gara, p. 1,5
– Dirigenti: Squalifica (inibizione), per ogni giornata di gara, p. 2,0
La somma dei punti relativa ai provvedimenti disciplinari subiti in tutto l’arco della manifestazione costituisce
il “punteggio disciplina”.5
Art. 20 – Time-out
Potrà essere richiesto, da parte di ciascuna squadra, per ogni tempo di gioco, un time-out della durata di un
1 minuto.
Art. 21 – Il fuorigioco
Il fuorigioco verrà sanzionato all’interno dell’area di rigore e nei suoi prolungamenti fino ai lati del campo.
Art. 22 – Retropassaggio al portiere
In caso di retropassaggio, il portiere non può prendere il pallone con le mani.
Art. 23 – Espulsione temporanea
L’espulsione temporanea, della durata di 5 minuti:
o viene notificata da parte del direttore di gara mediante il cartellino azzurro;
o è comminata durante la gara in relazione della gravità della scorrettezza, secondo il giudizio
dell’arbitro;
o al termine di ogni tempo di gara le espulsioni temporanee, ancorché non completamente scontate,
saranno ritenute del tutto scontate;
o può essere comminata dall’arbitro per le seguenti infrazioni alle regole del gioco:
 sgambetto, trattenuta o altro mezzo illecito su un avversario che, diretto a rete, non ha alcun altro
avversario tra sé e la porta (con l’esclusione del portiere) in grado di intervenire;
 fallo di mano volontario su un tiro diretto nello specchio della propria porta;
 fallo di mano volontario, incluso quello del portiere se fuori area di rigore, su un avversario lanciato
a rete;
 linguaggio blasfemo.
Ai fini delle sanzioni disciplinari l’espulsione temporanea viene conteggiata con due ammonizioni le quali si
sommano alle altre ammonizioni subite.
Art. 24 – Squalifiche automatiche
I giocatori espulsi (con cartellino rosso) debbono comunque ritenersi squalificati per almeno una gara
effettiva, fatte salve eventuali ulteriori sanzioni assunte dall’Organo Giudicante.
Art. 25 – Squalifiche per somma di ammonizioni
Il giocatore che abbia ricevuto quattro ammonizioni in gare diverse sarà squalificato dall’Organo Giudicante
mediante la pubblicazione della sanzione sul Comunicato Ufficiale.
 

About Author