D…MARTEDI’ di Carlo Marrazza

D…MARTEDI’     di Carlo Marrazza

Ancora una giornata con molte sorprese nel campionato di serie D. Il girone I sembra non voglia un padrone, con squadre che si alternano in testa senza soluzione di continuità. Sicilia Felix, con la coppia Igea Virtus-Sicula Leonzio che tornano al comando dopo l’interregno di Cavese prima e rende poi. Proprio le due ex capolista incappano in risultati negativi, col rende che perde a gela e la Cavese che non va oltre il pari con il fanalino di coda due torri. Ad onor del vero il risultato degli uomini di mister longo è più che bugiardo, dato che i metelliani hanno letteralmente preso a pallonate la squadra siciliana non riuscendo però a portare a casa l’intera posta. Poco comprensibile, a gragnano, la scelta dell’allontanamento di mister Masecchia che, dopo la vittoria casalinga per 6 a 2 con il Castrovillari e il pari di cava si è visto dare il benservito dalla società per motivi a noi sconosciuti. Continua nel suo cammino zoppicante la Turris che perde in casa contro un ottimo gladiator, che vince con merito con tedesco che si erge ad assoluto protagonista siglando una doppietta. La sconfitta costa la panchina a giacomarro con il ritorno di baratto, esonerato qualche domenica fa. Nonostante le troppe sconfitte e gli altrettanti pareggi, la turris è a soli 5 punti dalla vetta, segno questo che il campionato ha un livello medio basso e che sarà indeciso fino all’ultimo. Certo è che se la favorita del campionato ha cambiato già 2 volte allenatore cercando una continuità che queste scelte confusionarie non possono dare. Buono il pari della frattese in rimonta a Castrovillari, nel segno della continuità. Se la squadra di liquidato trova la quadra non è troppo tardi per inserirsi in discorsi di vittoria finale, per i motivi elencati sopra. Nel girone H mastica amaro l’aAgropoli che si è visto sfuggire la vittoria all’ultimo respiro in una gara che aveva visto la rimonta da 0-2 degli uomini di mister Santosuosso capaci di chiudere il tempo in vantaggio 3 a 2. Artefici del…mezzo miracolo Capozzoli e Cherillo, autori di una prova straordinaria, con il folletto di aquara che ha regalato spettacolo puro con assist a ripetizione e se una cavalcata lunga 70 metri si fosse concretizzata con il gol, sarebbe venuto giù lo stadio. Le indubbie qualità dell’esterno agropolese avevano bisogno di continuità, trovata quella, poco da dire: giocatore da professionismo senza se  e senza ma. Grande prova del Potenza, che si rialza immediatamente dalla sconfitta casalinga contro l’agropoli e vince con autorità a ciampino. Sugli scudi il bomber villa, autore di una tripletta che rilancia le ambizioni della squadra di mister pirozzi. Si rilancia anche la nocerina che da subito una gioia al neo allenatore simonelli. Un 4 a 0 che non ammette repliche e magari giustifica il cambio di panchina in settimana. I molossi, al di la delle dichiarazioni di facciata, sono autorevoli candidati alla vittoria finale. Colpaccio della gelbison, che ormai non è più una sorpresa. Il 2 A 0 al nardò certifica che la squadra di mister pepe avrà poco a che fare con la zona play out e se i risultati continueranno ad essere questi, con un interveto per reparto nel mercato di riparazione, i vallesi potrebbero proporsi per le zone alte della classifica, d’altronde, rosa alla mano, la gelbison ha fior di giocatori. Nello scontro diretto vince il bisceglie contro il Trastevere e si rilancia prepotentemente nelle zone che le competono, approfittando anche del momento no del gravina che non va oltre il pari a rionero. Prossimo turno che vede, nel girone h il big match tra gravina e Nocerina, un esame per entrambe. L’agropoli impegnata contro l’ostico Herculaneum e la Gelbison che avrà il suo esame di maturità contro il non irresistibile Cynthia. Nel girone I giornata di scontri diretti: Cavese – Frattese e Rende – Turris daranno sicuramente uno scossone alla classifica. Vediamo se verrà sfatata la maledizione della capolista…Carlo Marrazza

Categories: SERIE D

About Author