DOUGLAS COSTA E BERNARDESCHI COME GUARIN,DRAXLER E WITSEL? UN’ALTRA PIPPATA

DOUGLAS COSTA E BERNARDESCHI COME GUARIN,DRAXLER E WITSEL? UN’ALTRA PIPPATA

Una pippata della stampa o di Marotta? Ormai i tifosi della Juventus sono abituati a queste grandi pippate e quindi anche un’eventuale flop sulle trattative di Douglas Costa e Bernardeschi sarebbero presi come le grandissime figuracce fatte  dalla Juventus nei casi di Guarin,Draxler e Witsel.Roba da pipponi.Sta diventando un’ossessione, quasi una maledizione quella della Juventus per il centrocampista di spessore internazionale che nell’ottica di Marotta e Paratici (e ovviamente di Massimiliano Allegri) dovrebbe essere l’ultimo tassello per fare quel salto di qualità che consenta di giocarsela alla pari con le grandi del calcio europeo. Ma da due anni a questa parte, i piani bianconeri per completare la mediana sono regolarmente saltati. Cominciò tutto nel gennaio 2014 con Guarin destinato a trasferirsi dall’Inter alla Juve e il percorso inverso designato per Vucinic, ma il “veto” imposto dalla tifoseria nerazzurro fece saltare un’operazione definita in ogni dettaglio.

DA DRAXLER A HERNANES – Di nomi ne sono circolati parecchi attorno alla formazione campione d’Italia nelle ultime finestre di mercato, clamorose sono state le modalità che hanno portato al naufragare di alcune trattative che sembravano destinate ad una felice conclusione. Basti pensare all’estate 2015 e all’affare Draxler, col lungo corteggiamento alla famiglia e i viaggi in Germania, salvo poi scontrarsi col muro opposto proprio dal club della Ruhr e la preferenza del giocatore per la permanenza in Bundesliga e l’opzione Wolfsburg. Al suo posto arrivo Hernanes e anche a causa delle prestazioni del brasiliano quella beffa non è stata ancora digerita. Una storia destinata purtroppo a ripetersi pochi mesi fa. E’ vero, arriva Pjanic a inizio mercato, gli arrivi di Dani Alves e Pjaca e il colpaccio Higuain hanno trasmesso un entusiasmo che nemmeno l’addio di Pogba aveva raffreddato, proprio perchè la convinzione di tutti è che un altro regalo per il centrocampo sarebbe stato fatto entro la fine di agosto.

MATUDII E WITSEL – La strategia per assicurarsi uno tra Matuidi e Witsel è più o meno la medesima dell’annata precedente, strappare il via libera del calciatore e del suo entourage per provare a spuntare uno sconto. Operazione fallita anche stavolta, perchè sia il Paris Saint Germain che lo Zenit sono club con un’enorme disponibilità economica e che difficilmente scendono a patti quando si tratta di cedere.

Categories: CALCIOMERCATO, SERIE A

About Author