IL GLADIATOR RIORGANIZZA LA SOCIETA’, SANTORO: “ANNO DI TRANSIZIONE”

IL GLADIATOR RIORGANIZZA LA SOCIETA’, SANTORO: “ANNO DI TRANSIZIONE”

SANTA MARIA CAPUA VETERE – Una tenue fumata bianca è stata sprigionata dal tanto atteso vertice societario, avvenuto nel pomeriggio di ieri. Dopo alcune settimane di stand-by, il vicepresidente Pasquale Santoro è riuscito a mettere faccia a faccia le varie parti e trovare una soluzione alle problematiche precedenti, che hanno attanagliato il Gladiator per diverso tempo. A differenza di quanto ipotizzato tra maggio e giugno, però, il progetto assume un valore più basso, cosicché da un campionato di vertice si passa ad una stagione da portare avanti in maniera tranquilla. Diverse le novità che riguardano i vari ambiti, sia quello prettamente dirigenziale che quello tecnico. In primis le dimissioni del dirigente Giuseppe Ongari, fratello del presidente Ciro, che in questi giorni verranno inviate al Comitato Regionale Campano.

LA SOLUZIONE ALTERNATIVA. E’ il vicepresidente Pasquale Santoro a rivelare alla redazione sportiva di Casertace.net il contenuto di tale incontro: “Seppur con qualche settimana di ritardo, il Gladiator può finalmente mettersi all’opera per programmare al meglio la prossima stagione. Dall’incontro di ieri è fuoriuscita una fumata bianca, con condizione di riserva. Una soluzione alternativa rispetto a quella per cui ho lavorato da inizio maggio, ma in questo momento non era possibile avere di meglio”.

LE GARANZIE. La figura sammaritana entra nel dettaglio: “Poiché ci metto io la faccia insieme ad altre persone, ho chiesto delle garanzie che mi sono state accordate. Prima di partire prenderò in consegna gli assegni, in maniera tale che a fine mese non debba rincorrere nessuno. Sono sammaritano ed una volta per tutte la gente deve cancellare dalla propria mente la nomea di cattivi pagatori che viene attribuita a Santa Maria Capua Vetere. In seconda istanza, è stato creato un nuovo statuto, in cui si vanno a rivedere le posizioni di diverse figure. Devo tutelare la mia persona e coloro che seguono me in questa avventura”.

L’IMPRENDITORIA SAMMARITANA. Santoro poi passa in rassegna uno degli argomenti chiave della questione: “Il rallentamento dei tempi ha spinto gli imprenditori sammaritani a fare un passo indietro. Fino ad un mese fa il loro ingresso nella società era cosa fatta, purtroppo ora questo non è più possibile. Ma questo non vuol dire affatto che abbandonano il progetto. Tutt’altro. In questa stagione loro provvederanno ad elargire una buona sponsorizzazione, un contributo esterno che sarà utile a comporre una bella squadretta. Le somme prefissate non sono più le stesse ma intanto ci permetteranno di disputare un campionato più che dignitoso”.

L’ANNO DI TRANSIZIONE. Infine, a domanda fatta, il vicepresidente esprime le sue sensazioni: “Io vivo a Santa Maria Capua Vetere, per cui so del blasone di una società come il Gladiator. Sono fiducioso, purtroppo non contentissimo, di un progetto che viene allungato di un anno. Giochi strategici ci hanno fatto perdere tempo molto importante, quindi in questa stagione vivremo un anno di transizione. Un vero peccato poiché a Santa Maria Capua Vetere sono sempre mancati i capitali ed ora che c’erano, sono stati sospesi per l’anno prossimo. Ma diamo fiducia a Ciro Ongari che sono sicuro vuole il bene del Gladiator”.

Domenico Vastante

Categories: DILETTANTI, ECCELLENZA

About Author