JUVENTUS VERNISSAGE A VILLAR PEROSA PJANIC INFORTUNATO ROVINA LA FESTA/FOTO CRONACA

JUVENTUS VERNISSAGE A VILLAR PEROSA PJANIC INFORTUNATO ROVINA LA FESTA/FOTO CRONACA

Si è fatto male Pjanic la Juventus è in ansis.C’è una parola che, più di ogni altra, riassume la grande festa di Villar Perosa. Questa parola è tradizione.

Tradizione è prendere una assolata giornata di agosto e salire fino all’inizio delle montagne della Val Chisone. È trascorrere una giornata di divertimento, di gioia, di cori e, soprattutto, di Juve.

Tradizione è aspettare qualche ora sotto il sole che arrivino i giocatori bianconeri per salutarli, per gridare loro il proprio affetto, magari per strappare una foto o un autografo.

È la coda per un panino, il saluto ai trofei vinti nella stagione precedente. È l’in bocca al lupo ai Campioni d’Italia, a pochi giorni dall’inizio di una nuova, grande avventura.

Tutto questo è Villar Perosa, un rito che anche quest’anno si è rinnovata davanti a un pubblico sempre più numeroso, presente e caloroso fin dalle prime ore della giornata.

E poi, ovviamente, c’è il calcio, c’è la partita fra la Juve A e la Juve B.

E c’è la prima di Pjanic, Pjaca e Higuain davanti ai loro nuovi tifosi. Dei nuovi acquisti sono questi tre a giocare dall’inizio, mentre Dani Alves e Benatia entreranno a gara in corso.

I due attaccanti combinano subito bene, ma il Pipita spara alto dal limite, quindi è il croato ad avere una doppia occasione: Del Favero respinge il tocco da distanza ravvicinata e subito dopo è la traversa a ribattere il sinistro di prima intenzione su assist di Alex Sandro. Dopo una decina di minuti Pjanic accusa un fastidio all’anca e lascia il posto ad Hernanes.

I ritmi sono logicamente bassi e la Primavera di Grosso, ben messa in campo, chiude gli spazi e concede poco. Quando poi ancora Pjaca si ripresenta davanti a Loria, in campo al posto di Del Favero, il portiere intercetta nuovamente la conclusione e Vogliacco libera sulla linea.

Al 39′ però il gol arriva e porta la firma di Gonzalo Higuain che stacca altissimo sugli sviluppi di un corner e infila nell’angolino la sua prima rete in bianconero.

La ripresa, anche questa è tradizione, si apre all’insegna dei cambi e Allegri manda in campo Dani Alves, Mandzukic e Dybala, oltre ad Audero, Macek e Kastanos. È proprio su un traversone di quest’ultimo che Coccolo, nel tentativo di anticipare Dybala, spedisce il pallone nella propria porta. C’è giusto ancora il tempo di vedere ancora uno spunto di Kastanos che, servito dal tacco di Mandzukic, impegna il terzo portiere della Primavera Maricchi.

Poi, al 12′, scatta l’invasione di campo e inizia la caccia a foto, autografi e, per i più fortunati, a magliette e pantaloncini da portare a casa. Villar è anche questo. Ed è magnifico così.

JUVENTUS A – JUVENTUS B 2-0

RETI: Higuain 39′ pt, Coccolo ( aut.)  3′ st

JUVENTUS A

Buffon (16′ pt Neto, 1′ st Audero); Rugani (1′ st Macek), Bonucci, Chiellini (30′ pt Barzagli); Lichtsteiner (1′ st Dani Alves), Khedira (1′ st Kastanos), Pjanic (11′ pt Hernanes), Alex Sandro, Evra; Pjaca (1′ st Dybala), Higuain (1′ st Mandzukic)
A disposizione: Benatia, Marrone, Severin, Lemina, Untersee, Asamoah, Pereyra
Allenatore: Allegri

JUVENTUS B
Del Favero (33′ pt Loria, 8′ st Maricchi); Beruatto, Vogliacco (1′ st Merio), Coccolo (8′ st  Zanandrea), Rogerio (8′ st Moussa);  Muratore, Bove (33′ pt Touré), Caligara (33′ pt Morselli); Kanoute; Leris (8′ st Tripaldelli), Mosti (33′ pt Mosti)
Allenatore: Grosso

ARBITRO: Pairetto

ASSISTENTI: Ranghetti, Vivensi

Categories: SERIE A

About Author