L’AGROPOLI E QUELLA BANDIERA DI NOME LANDOLFI

L’AGROPOLI E QUELLA BANDIERA DI NOME LANDOLFI

E chi lo dice che le bandiere nel calcio non esistono più. Esistono ma spesso vengono ammainate nel pressapochismo generale.Ad Agropoli dove da anni sventola la bandiera blu d’Europa a segnalare la pulizia delle acque e l’organizzazione turistica c’è una bandiera anche nel calcio,ha un nome storico per la città e viene sventolata degnamente dai tifosi per la sua importanza e il suo legame.Gianmarco Landolfi sventola più di qualsiasi altra bandiera perchè rappresenta l’unico baluardo calcistico della capitale del Cilento in un momento dove il calcio passa in secondo piano per le vittorie e i trionfi del basket Agropoli dove non ci sono bandiere ma tanta agropolesità. E Gianmarco lo sa tanto è vero che nel festoso finale di campionato dei colleghi cestiti va a tifare dalle tribune del pala Di Concilio,tò Di Concilio lui si che era una bandiera,una grande bandiera. Gianmarco Landolfi non si dimentica di essere la bandiera dell’Agropoli e offre la sua disponibilità per ritornare nei ranghi della prima squadra dopo aver trascorso un brevissimo periodo nella Real Agropoli la seconda squadra ci calcio cittadina dove a sorpresa era andato nel mercato di dicembre. Con le voci insistenti che circolano di un ritorno clamoroso di Santosuosso sulla panca più importante del Cilento quella dell’Agropoli il reintegro nella rosa di Landolfi sembra automatico e molto importante per la forza della squadra. Landolfi darebbe una spinta straordinaria al nuovo corso e di certo la società è ben lieta di metterlo a disposizione del tecnico.Sergio Vessicchio 

Categories: CALCIO, SERIE D

About Author