L’ARBITRO MATTEO LIZZA VIENE AGGREDITO A CICERALE 3 GIORNI DI PROGNOSI

L’ARBITRO  MATTEO LIZZA VIENE AGGREDITO A CICERALE 3 GIORNI DI PROGNOSI

CICERALE. Una brutta pagina di sport quella che si è consumata domenica scorsa sul campo del Cicerale, durante la sfida di Prima Categoria tra il Cicerale e Herajon, compagine di Gromola, frazione del comune di Capaccio-Paestum. L’arbitro Matteo Lizza, della sezione di Agropoli, è stato colpito alla tempia da Cosimo Lardo, giocatore della squadra ospite. La gara è stata immediatamente sospesa e il direttore di gara è stato trasportato al pronto soccorso dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania per i controlli del caso. Per lui 3 giorni di prognosi.
Fino al momento dell’aggressione era stata disputata una partita abbastanza tranquilla e senza episodi degni di nota. Il risultato era sul 4-0 per i padroni di casa e il cronometro segnava 10 minuti dall’inizio della seconda frazione di gioco. Lizza ha fischiato un calcio d’angolo in favore del Cicerale, scatenando le ire dei giocatori ospiti. Tra i più impetuosi proprio Lardo le cui proteste hanno costretto il direttore di gara ad estrarre il cartellino rosso per allontanarlo dal campo. Il giocatore, complice il nervosismo per la pesante sconfitta che si stava delineando, ha perso le staffe e si è scagliato contro Lizza sferrandogli ben 3 pugni alla tempia. Gli altri giocatori sono intervenuti per bloccare ed allontanare l’aggressore che altrimenti avrebbe potuto continuare a colpire l’arbitro. Si attende ora la decisione del giudice sportivo che di sicuro infliggerà a Lardo una pesante ed esemplare squalifica. L’arbitro, molto scosso, non ha voluto rilasciare dichiarazioni, così come i tesserati del Cicerale e dell’Herajon che hanno assistito, impotenti, a quanto accaduto sul rettangolo di gioco. Arturo Calabrese

Categories: 1 CATEGORIA, ARBITRI

About Author