LAZIO,SAMPDORIA E NAPOLI POTREBBERO ESSERE ESCLUSE DALLE COPPE EUROPEE

LAZIO,SAMPDORIA E NAPOLI POTREBBERO ESSERE ESCLUSE DALLE COPPE EUROPEE

Venerdì la decisione dell’UEFA: Lazio, Sampdoria e Napoli potrebbero rinunciare alle coppe per lo scandalo scommesse. Ma lo scorso anno gli azzurri furono ammessi...

48 ore circa, ovvero un paio di giorni, ma per qualcuno sembrano un’eternità. Comprensibile: c’è la partecipazione alle coppe di mezzo. Però Lazio, Sampdoria e Napoli dovranno attendere probabilmente venerdì per sapere se nella prossima stagione potranno viaggiare in giro per l’Europa. Intanto, dita incrociate per tutti.Dopo la licenza UEFA non concessa al Genoa, che ha portato all’esclusione dei liguri da un’Europa League conquistata sul campo, altri problemi avvolgono dunque le nostre squadre. Colpa del calcioscommesse, che a 4 anni di distanza rischia di diventare una zavorra impensabile. Tempo 48 ore e tutto sarà più chiaro: venerdì la Commissione d’Appello dell’UEFA dovrebbe ufficializzare ogni decisione.Il caso Mauri da una parte, il coinvolgimento di Guberti dall’altra: la Lazio rischia di non andare in Champions League, nonostante la tranquillità ostentata dal club, la Sampdoria può non partecipare all’Europa League. Ma c’è anche il giallo relativo al Napoli, costretto a fare i conti con il fantasma di Matteo Gianello e con la possibilità di essere a sua volta escluso dalla seconda competizione continentale.Perché giallo? Perché in casa azzurra, come scrive il ‘Corriere dello Sport’, sono convinti che il problema non esista. Già lo scorso anno, del resto, la squadra allora allenata da Rafa Benitez venne ammessa all’Europa League nonostante la situazione fosse la medesima, con tanto di presentazione della ‘fedina’ del club considerata non compromettente dall’UEFA.Insomma, il rapporto tra la Serie A e l’Europa continua ad essere particolarmente complicato. Lo scorso anno la mancata licenza al Parma, quest’anno al Genoa. E poi lo scandalo del calcioscommesse che potrebbe mietere altre vittime e stravolgere, nei fatti, una classifica. Regalando una chance insperata a chi, sul campo, non ha raggiunto gli obiettivi che si era prefissato.

About Author