LECCE, BOLLINI: “SCONFITTA IMMERITATA, LORO SOLO UN TIRO IN PORTA”

LECCE, BOLLINI: “SCONFITTA IMMERITATA, LORO SOLO UN TIRO IN PORTA”

La Salernitana sbanca il Via del Mare per una rete a zero mettendo una seria ipoteca sulla vittoria finale grazie anche allo 0-0 a sorpresa conseguito dal Benevento in casa contro la modesta Aversa Normanna. A fine partita si presenta in sala stampa per commentare la partita tra Lecce e Salernitana l’allenatore dei salentini Alberto Bollini che fornisce la sua disamina della partita disputata contro i granata di mister Menichini: “Nel primo tempo abbiamo fatto un’ottima gara sopratuutto per le azioni da gol, meritavamo di essere in vantaggio. Alla fine dei conti abbiamo tirato in porta più della Salernitana, ma usciamo sconfitti. Abbiamo avuto una buona occasione con Gustavo, ma in precedenza c’era un fallo di mano clamoroso di Trevisan. Le gare vivono di episodi, è chiaro che un episodio del genere avrebbe potuto cambiare le sorti della gara contro un avversario fortissimo e che subisce pochi gol. Le palle inattive in partite equilibrate come questa fanno la differenza, lo hanno dimostrato gli avversari realizzando con Colombo. Bisogna anche valutare che loro hanno tirato in porta solo in quella occasione. Nella ripresa potevamo fare meglio, usciamo sconfitti ma immeritatamente. Le assenze? Non mi piace parlare di chi non c’è, ma è chiaro che un calciatore come Moscardelli  è insostituibile per noi. Miccoli si sta allenando ma manca totalmente del ritmo partita”.  Bollini poi ammette d’esser stato vicino alla Salernitana, grazie anche ai suoi trascorsi recenti con la Lazio e il presidente Lotito: “Con lui non avevo bisogno di chiamate o colloqui particolari. La stima tra noi è reciproca, credo che lui ci abbia pensato ad affidarmi la panchina della Salernitana. Qualche anno fa c’è stata la possibilità, ma di fronte alla chiamata del Lecce sono stato corretto nelle tempistiche ed ho seguito la mia volontà che era quella di venire qui”.

Categories: LEGA PRO

About Author