MARCIANISE, PRES. D’ANNA: “AMMINISTRAZIONE ASSENTE, TIFOSI INGRATI, PRONTO A LASCIARE”

MARCIANISE, PRES. D’ANNA: “AMMINISTRAZIONE ASSENTE, TIFOSI INGRATI, PRONTO A LASCIARE”

Il presidente del Marcianise Raffaele D’Anna dopo diverso tempo esce allo scoperto rinunciando al silenzio in questo fine stagione, e a bocce ferme ha rilasciato importanti dichiarazioni sulla sua squadra, dicendosi pronto a cedere il club marcianisano e passare quindi la mano:

Mi rendo conto, anche se non riesco a farmene una ragione, che il calcio che la A.S.D. Progreditur Marcianise è stato in grado di offrire non ha fatto breccia nei nostri tifosi, nell’amministrazione e nel tessuto urbano di Marcianise. Abbiamo provato nel corso degli anni a insistere per progettare un nuovo stadio, un manto erboso in sintetico per il Progreditur, ma la nostra voce è stata ignorata. Purtroppo nel calcio la struttura è la prima cosa, ciò che ti consente di programmare. I sostenitori del calcio marcianisano dovrebbero pretendere delle strutture all’altezza di una città di 40.000 persone. Durante questa stagione l’amministrazione si era presa l’onere, quanto meno, di manutenere l’attuale manto erboso, visto che non c’era la possibilità di realizzare un campo in sintetico. Purtroppo neanche questo è stato fatto. Puntualmente si è partiti a luglio con tante belle intenzioni e si è arrivati a dicembre con tutti che hanno declinato le proprie responsabilità, facendole ricadere, di conseguenza, sul sottoscritto e la sua società che, da solo, ho portato avanti. Il tifo non è stato mai dalla parte nostra: abbiamo vinto un campionato di eccellenza in un silenzio spettrale, quando in piazze altrettanto importanti, vedi Gragnano o Torre Del Greco, stanno ancora festeggiando per lo stesso traguardo da loro appena raggiunto. E’ stata addirittura additata al sottoscritto e alla sua società la volontà di “perdere” lo scorso campionato di serie D. Anche se so che nella mia città c’è chi stima il nostro operato, ahimè queste persone non sono solite schierarsi apertamente a nostro sostegno. Dunque, mi sento oggi isolato e demotivato. Detto questo, c’è da parte mia la piena disponibilità a “soddisfare” i tanti che non mi vogliono più alla guida del Marcianise calcio. Sono disposto a cedere il passo a chi sia intenzionato a portare avanti il Marcianise calcio in serie D. Mi rivolgo a persone e imprenditori che abbiano delle intenzioni serie per una città rispettabile, per la quale io ho sacrificato risorse, tempo ed energie. Sono dispiaciuto che il nostro massimo non sia bastato. Auguro alla mia città di trovare qualcuno in grado di farle avere quell’entusiasmo che io non sono riuscito a portare”.

Categories: SERIE D

About Author