MASSIMO MAURO: “CHIEDO SCUSA A BENITEZ MA IL SUO ATTEGGIAMENTO ERA DA DISONESTO, SU DI ME HA FATTO RICERCHE”

MASSIMO MAURO: “CHIEDO SCUSA A BENITEZ MA IL SUO ATTEGGIAMENTO ERA DA DISONESTO, SU DI ME HA FATTO RICERCHE”

L’ex calciatore azzurro ed attuale opinionista di Sky Massimo Mauro, ha rilasciato una lunghissima intervista al Corriere del Mezzogiorno, spiegando il suo punto di vista sulla querelle incorsa con il tecnico del Napoli Rafa Benitez per averlo chiamato “disonesto” dopo lo scivolone di Torino contro i granata. Ecco l’intervista: “Mi pento di aver dato del disonesto a Benitez, ogni commento a caldo va analizzato e contestualizzato. C’è stato un grande malinteso tra le parti: nel post partita di Torino, aveva fatto capire che il Napoli aveva perso per un arbitraggio discutibile. Non lo ha mai espresso apertamente ma lo avevamo capito tutti. Abbiamo iniziato ad analizzare gli episodi ma non voleva parlare. Per me quindi, era un atteggiamento disonesto: la squadra poi, aveva perso per altri motivi. Solo il giorno dopo ha spiegato di volersi riferire ai suoi ragazzi. Intendevo disonesto come bugiardo, diplomatico: perché in realtà, stava mascherando il suo pensiero”.

LA RISPOSTA. “Ciò che però mi ha fatto pensare – prosegue Mauro – è la sua risposta nei miei confronti in conferenza. Mentre la mia era una constatazione a caldo su ciò che avessi visto, Benitez è andato a fare ricerche, additandomi come juventino, scavando nel mio passato. Vi dico questa cosa: lo scorso anno, allo Juventus Stadium fui accolto molto male ed ho dovuto chiamare la polizia per un tifoso bianconero che mi si avventò contro, quindi non credo proprio di essere di parte. Persino Sky ha un direttore originario di Napoli e facciamo dell’obiettività il nostro credo analizzando sempre al meglio e con serenità rigori non dati ed episodi. Ricordo inoltre di aver vinto uno Scudetto con il Napoli, cose che non si dimenticano. Tutte le squadre si lamentano sempre di noi ed è proprio questa la prova della nostra trasparenza”.

CLIMA DISTESO. “Mi dispiace per ciò che è accaduto. A cena con Benitez? Perché no, gli stringerei la mano. E’ un grande allenatore e l’ho sempre detto, come ogni tecnico ha qualcosa da migliorare ma è sotto gli occhi di tutti che la fase difensiva del Napoli non sia impeccabile. Non condivido la posizione del Napoli a non voler parlare con noi ma spero si risolva tutto quanto prima”.

Categories: SERIE A

About Author