SALERNITANA, BISOGNA LAVORARE MOLTO SULLA FASE DIFENSIVA

SALERNITANA, BISOGNA LAVORARE MOLTO SULLA FASE DIFENSIVA

1 gol subito contro l’Alessandria, 3 a Carpi, nelle prime due uscite in Coppa Italia; porta inviolata a Venezia all’esordio nel campionato di Serie B, altre 3 reti incassate nella prima gara casalinga (in cui la Salernitana ha avuto il merito di recuperare per tre volte, aggiudicandosi almeno un pareggio ed evitando un’inopinata sconfitta all’Arechi). Equilibrio: è questa la parola d’ordine in casa granata in questo avvio di stagione, caratterizzato da una sorta di ottovolante dal punto di vista difensivo. Sul banco degli imputati non è finito Radunovic (sostanzialmente incolpevole, sebbene abbia subito un gol ogni due tiri in porta tentati dagli umbri) né tantomeno il pacchetto arretrato. A non convincere è l’atteggiamento complessivo della squadra granata in fase di non possesso. Della Rocca non è propriamente un mastino e non sempre riesce a far da scudo davanti alla difesa, gli interni non hanno garantito filtro e gli esterni d’attacco hanno spesso lasciato i terzini da soli ad affrontare in uno contro uno gli avversari. Quello della Salernitana, dunque, è in questo momento un problema complessivo nell’affrontare la fase difensiva. Se davanti le cose non stanno andando affatto male (8 i gol messi a segno nelle 4 gare ufficiali dai granata), è chiaro che in questi giorni che precedono la trasferta di Carpi l’attenzione dello staff tecnico si concentrerà sulla fase di non possesso e sulla difesa sui calci piazzati (vecchio tallone d’Achille). Eppure, la difesa è in buona sostanza il reparto che ha cambiato il minor numero di interpreti (nell’undici titolare l’unica novità è Pucino, preferito in questo avvio di stagione a Perico, e in panchina di “nuovo” c’è il solo Asmah) e, di conseguenza, i giocatori già dovrebbero conoscere i “desiderata” del tecnico. Ma è altrettanto vero che in estate la Salernitana ha cercato qualche altro rinforzo al centro (era arrivato Adejo, che non era propriamente la prima scelta e che si è rivelato una delusione, al punto che è stato lasciato libero prima del via). Insomma, il reparto che poteva fornire le maggiori garanzie e che poteva essere più avanti in termini di apprendimento, dovrà invece sottoporsi probabilmente a degli straordinari.

Categories: SERIE B

About Author