SALERNITANA IN RITIRO PER RITROVARSI E SCACCIARE LA CRISI

SALERNITANA IN RITIRO PER RITROVARSI E SCACCIARE LA CRISI

Tutti in ritiro per trovare stimoli e concentrazione. Squadra a Serino ma allenamenti a Salerno. In albergo Bollini prova a recuperare il gruppo come accadde a Paestum un anno fa quando dopo una serie di sconfitte la squadra venne spedita in ritiro. Quel momento fu cruciale per la risalita in classifica. Si spera possa accadere lo stesso in questa fase. Il ritiro a Serino arriva dopo le esternazioni di Lotito prima e di Mezzaroma poi. Entrambi i proprietari chiedono una reazione ad un gruppo che si è improvvisamente spento, seduto

Contro la squadra di Breda dovrà arrivare il riscatto perché due sconfitte di fila sono più di un campanello d’allarme e, si sa, tre indizi farebbero una prova: la Salernitana deve scacciare i fantasmi della crisi, riscattarsi e, prima di tutto, ritrovarsi dopo due prestazioni deludenti. Ad oggi la classifica dice che la Salernitana è a metà strada dai play off ma anche a metà strada dalla zona rossa. Bisogna ritrovare grinta e fame, per dirla alla Lotito senza più crogolarsi nei 12 risultati utili consecutivi che ad oggi rappresentano il passato.

Il presente è fatto di incognite e interrogativi. Qual è il modulo più appropriato alla luce dei rientri dagli infortuni, quali sono i calciatori più in forma, giusto o sbagliato ipotizzare un avvicendamento tra i pali con l’impiego di Adamonis al posto di Radunovic? Quesiti ai quali Bollini proverà a dare risposte in questi giorni che ci separano dalla sfida con il Perugia. Fondamentali le prossime quattro partite per chiudere nel migliore dei modi il girone d’andata e strappare qualche vittoria in più all’Arechi.

In otto gare nell’impianto di via Allende, due soli successi davanti al proprio pubblico contro Spezia ed Empoli. C’è bisogno della Salernitana tutta grinta e carattere delle passate giornate sveglia fin da subito e non solo dopo aver preso il gol. I gol subiti sono un altro campanello d’allarme su cui il mister deve trovare un adeguato rimedio. Quattro partite al termine che saranno quattro esami di maturità per tutti: squadra e staff tecnico. 360 minuti che segneranno il destino di molti calciatori ma anche quello della Salernitana in questo campionato.

Categories: SERIE B

About Author