SALERNITANA TORRENTE RISCHIA IL NODO E’ MENICHINI

SALERNITANA TORRENTE RISCHIA IL NODO E’ MENICHINI

Le smentite di Mezzaroma  nel dopo partita potrebbero essere anche un segnale che si sta lavorando per correggere la situazione venutasi a determinare. La società e la dirigenza sono convinti che Torrente ha in mano una squadra forte di medio alta classifica e abbia perso il controllo della situazione,sia andato in confusione e non intende ragionare.E poi si sa che la Salernitana è una buona squadra con una rosa molto valida.Gli infortuni non sono un modo per giustificare il tecnico tutt’altro potrebbe essere proprio l’allenatore e i sui collaboratori la motivazione di tanti infortunati.Torrente sta deprezzando tutti i giocatori della Salernitana e su questo Lotito e Fabiani stanno ragionando molto.Questa è la valutazione che potrebbe portare all’allontanamento del tecnico non tanto i risultati. Quando un allenatore non valorizza la rosa dei giocatori e li fa rendere sotto le loro possibilità viene bocciato. Lotito e Fabiani sono due che l’allenatore difficilmente lo cambiano e lo fanno proprio in casi estremi,nel caso di Torrente siamo in quelle eccezioni che portano all’esonero.Torrente  paga anche per non aver dato un gioco bene definito alla squadra e il costante cambiamento dei moduli e degli interpreti ha destabilizzato l’equilibrio dei giocatori. Le voci di dentro dicono di un esonero certo per lui se non fosse tesserato Menichini. La Salernitana non può permettersi di pagare un terzo allenatore e un eventuale staffetta con Menichini è impensabile,Lotito lo ha messo a figure davanti all’Italia,Fabiani lo considera,a ragione,sotto lo zero per cui non può allenare la squadra in serie B e quindi la sua paga,il suo stipendio,il suo ingaggio blocca la Salernitana e salva Torrente dall’esonero.Questo al momento è l’unico motivo per il quale Torrente non salta altrimenti già avrebbe fatto le valige.Lo stesso Torrente non cambia atteggiamento forte di questo stato di cose.Ne paga le conseguenze la squadra vittima di questa situazione imbarazzante e al momento scevra da grosse colpe tuttavia è ingiustificata,per quanto Torrente può avere responsabilità,la situazione di uno come Sciaudone decisamente improponibile. Citiamo lui che con i 300 mila euro di ingaggio è l’uomo più pagato della rosa.Una situazione di stallo che non trova via d’uscita se non un esame di coscienza di Torrente che riveda i suoi errori e rimetta a correre la squadra,incapsulato nelle sue idee il tecnico cetarese ha di fatto bloccato la squadra e Menichini blocca il suo esonero.Sergio Vessicchio

Categories: SERIE B

About Author