SCAFATESE, LASCIA L’ADDETTO STAMPA

SCAFATESE, LASCIA L’ADDETTO STAMPA

“Sono stati cinque anni che hanno arricchito il mio bagaglio professionale ed umano. Ho visto nascere questa società tra l’ostilità e lo scetticismo della piazza, il che mi ha indotto a maturare una scelta “scomoda” per il contesto ambientale, in riferimento alle note vicende di avvicendamento delle due società calcistiche scafatesi. Ho curato questo ufficio stampa tra mille difficoltà e stenti, in prima persona, senza il supporto di nessuno, con scarsi strumenti e quasi nell’anonimato. Lascio comunque un ambiente a me caro, conservando i ricordi della finale di Coppa Italia persa nei supplementari, il momento buio nel Dicembre 2010 con la società allo sbando, le vittorie trionfali e per finire il miracolo della promozione in serie D ad opera di un gruppo di “operai dal cuore grande”. Assistere oggi ad una situazione così instabile provoca dispiacere per una gestione precaria che vede una società barcamenarsi in un mare in tempesta. Porto con me l’affetto e la stima di pochi dirigenti, tanti addetti ai lavori e colleghi, preziosi nel porgere la loro collaborazione e quasi tutti gli atleti, in particolar modo i ragazzi della promozione della scorsa stagione, con i quali ho avuto sempre un ottimo rapporto umano. A tutti voi auguro il meglio della vita professionale e non”.

Categories: SERIE D

About Author