SERIE B, IN CINQUE SPERANO NEL RIPESCAGGIO PER IL FALLIMENTO DEL PARMA

SERIE B, IN CINQUE SPERANO NEL RIPESCAGGIO PER IL FALLIMENTO DEL PARMA

Il Parma non parteciperà alla prossima Serie B 2015/2016 ed ora si apre la “caccia” a sostituirlo. Tante le squadre in lizza per un solo posto, e naturalmente nessuna che appare intenzionata a mollare la presa. C’è chi è retrocesso dopo uno sfortunato playout (la Virtus Entella), chi è retrocesso sul campo (Cittadella e Varese) e chi a causa di penalizzazioni dovute alle precedenti gestioni (il Brescia). Ma c’è anche chi ha perso la finale playoff di Lega Pro (il Bassano) e chi si era fermato in semifinale (la Reggiana ed il Matera). Insomma, sarà una lunga estate “calda”. Anche perché, comunque vada, il ripescaggio di una di queste squadre libererà un posto in Lega Pro, ed anche in quel caso la fila di candidate è lunga. Ma ovviamente, a tenere banco è il posto da assegnare in ‘cadetteria’.

La Virtus Entella è, sulla carta, la squadra che parte in pole position: retrocessa soltanto ai playout (2-2 in casa ed 1-1 a Modena contro i gialloblu), il club ligure ha dalla sua la forza della classifica e potrebbe dunque aspirare a ritornare in Serie B dopo appena poche settimane dalla sua retrocessione in Lega Pro. Il Brescia però non ci sta: Rinaldo Sagramola, presidente delle rondinelle, ha tuonato contro tutti minacciando di portare la Federcalcio in tribunale. Arrivato a febbraio rilevando la società di Corioni, ha dovuto incassare una pesante penalizzazione (-6) a causa di irregolarità nei pagamenti Irpef e contributi Inps della precedente amministrazione. Una beffa: senza quei sei punti il Brescia sarebbe stato salvo e dunque la rabbia è doppia. La minaccia di adire le vie legali (“Ma spero non ce ne sia bisogno”, ha poi aggiunto) è pesante e rischia di far slittare tutto: calendari e calciomercato in primis.
Anche il Varese era stato penalizzato a causa di irregolarità finanziarie, ma nel suo caso il -4 sarebbe valso a poco: sarebbe rimasto ultimo anche con gli stessi punti. Ma anche loro, come il Cittadella che ha chiuso al terzultimo posto, sono tra i papabili per il ripescaggio. I veneti hanno già alzato il tiro: “Avremmo presentato domanda di ripescaggio in ogni caso, indipendentemente dall’esito della vicenda Parma”, aveva spiegato il presidente Andrea Gabrielli già lo scorso 10 giugno. E siamo così già a quota quattro. La quinta che potrebbe sperare di partecipare alla prossima Serie B è il Bassano: sconfitto nella finale playoff dal Como, la società giallorossa potrebbe raggiungere comunque i lariani in cadetteria, anche se parte leggermente svantaggiata nella corsa. Ma mai dire mai.

Più difficile un ripescaggio di Reggiana o Matera: emiliani e lucani dovrebbero sperare che nessuna delle cinque pretendenti abbia i requisiti per partecipare alla prossima Serie B. Una speranza vana, che “riduce” il campo ad “appena” cinque squadre. Virtus Entella, Cittadella, Brescia, Varese e Lanciano: in cinque squadre per un posto. La lunga estate della Serie B è appena iniziata.

Giuseppe Cozzolino

Categories: CALCIO, SERIE B

About Author