TORRE DEL GRECO TIENE BANCO LA VICENDA DEL LOGO E DEL MARCHIO DELLA TURRIS

TORRE DEL GRECO TIENE BANCO LA VICENDA DEL LOGO E DEL MARCHIO DELLA TURRIS

La questione del logo e del marchio della Turris sembra essere al centro dei pensieri di dirigenti, calciatori e tifosi corallini. Tanto da interpellare i politici cittadini sulla questione. Oltre al nome, la squadra del presidente Giugliano non ha neanche i simboli storici. Ecco che per rimediare, in città è partita una sorta di ‘caccia al contributo’ per cercare di riottenere il logo e il marchio attualmente nelle mani di una vecchia conoscenza del calcio cittadino, quel Rosario Gaglione(foto) che in passato è stato il presidente della Turris con cui ha ottenuto grandi risultati in D pur senza mai raggiungere la promozione nella categoria superiore. Su sua iniziativa 10 anni fa furono acquistati i simboli storici della Turris, di una società ormai scomparsa, per il prezzo di cinquemila euro. «L’ho fatto perché sono sempre stato innamorato della squadra di Torre del Greco, non potevo vederla morire – dice a Metropolis Rosario Gaglione – e non ho nessun problema a dare ai tifosi quello che chiedono». Ma l’imprenditore corallino pone una ‘conditio sine qua non’ per la cessione dei simboli storici della Turris. E non si tratta di questioni meramente economiche: «L’unica cosa che ho espressamente richiesto, e l’ho fatto presente anche in una lettera inviata ad amministrazione e tifosi, è quella che il marchio e il logo storico siano affidati a persone di Torre del Greco e che tengano davvero alle sorti della squadra, perché è fondamentale che i simboli restino in città. E non finiscano altrove». Ricordando che per le cessioni di titoli sportivi, loghi e marchi l’acquirente deve essere necessariamente il presidente di una società affiliata alla Figc.

Categories: ECCELLENZA

About Author