TURRIS, CALCE: “MARTEDI’ NOVITA’ SOCIETARIE DI RILIEVO”

TURRIS, CALCE: “MARTEDI’ NOVITA’ SOCIETARIE DI RILIEVO”

Le voci relative all’imminente ingresso nel sodalizio corallino di Leonardo Mascolo e Vito Maiello hanno ormai preso a circolare con forte insistenza, ma al momento non è stato ancora messo nero su bianco. “Faremo tesoro dell’incontro di Roma, sia acquisendo tutte le informazioni che ci torneranno poi utili nel corso della stagione, sia rapportandoci alle altre realtà societarie. Ed a proposito di società, già martedì potrebbero esserci novità di rilievo. Abbiamo già avuto una serie di incontri interlocutori con alcuni imprenditori interessati ad affiancarci, ma francamente prima di sbilanciarmi attendo l’ufficialità. L’aspetto che però mi lascia ben pensare è che le persone in questione abbiano già maturato un’esperienza più o meno significativa in ambito calcistico. Questo, se non altro, vuol dire che si sono approcciate alla Turris con una certa consapevolezza. Torre del Greco è indubbiamente anche una vetrina, ma è anzitutto un impegno. Un impegno considerevole, e con questo non mi riferisco all’aspetto strettamente economico. Ad ogni modo, trovo sicuramente positivo ed incoraggiante il fatto che ci siano imprenditori interessati ad affiancarci nella gestione della Turris. Del resto gli equilibri e le dinamiche sono profondamente cambiati anche nel mondo del calcio. Non esiste più, a parte rare ed inavvicinabili eccezioni, la figura del mecenate in grado, da solo, di farsi carico di investimenti considerevoli. Il modello societario a cui ci ispiriamo è quello che, per molteplici ed ovvie ragioni, meglio si adatta alla nuova realtà sociale ed economica. Puntiamo a creare una cerchia di imprenditori, affidabili sul piano economico ed umano, dotati di specifiche competenze ed a cui affidare precisi ruoli. Il tutto preferibilmente contenuto in un organigramma societario snello. Il potere decisionale va ripartito, con estrema oculatezza. La serie D è ben altra cosa rispetto all’Eccellenza, anche l’organizzazione societaria, dunque, deve necessariamente mutare”.

Raffaella Ascione

Categories: CALCIO, SERIE D

About Author