TUTTA LA CAMPANIA METTE IN GUARDIA CERRUTI DAI NUOVI SOCI,TACCONE DIETRO LE QUINTE NON CONVINCE

TUTTA LA CAMPANIA METTE IN GUARDIA CERRUTI DAI NUOVI SOCI,TACCONE DIETRO LE QUINTE NON CONVINCE

Le sorti dell’Agropoli stanno sollevando un vespaio di polemiche e di “Fate attenzione”.I tre personaggi vicini a Cerruti non fanno stare tranquilli chi vuole il bene dell’Agropoli e ci stiamo accorgendo sono ancora tanti.Taccone ex presidente dell’Avellino, quello che ne ha decretato la fine prima del lodo dello scorso anno ma lo stesso che stava riportando l’Avelino in serie A se non fosse stato per quella traversa nella finale play off di pochissimi anni fa,sarebbe dietro l’operazione che ha portato Napolitano(foto in alto),Vuolo,Siciliano al fianco di Cerruti rendendolo però minoranza.Una situazione ingarbugliata che non aiuta l’avvio di stagione e getta serie ombre sul futuro dell’Agropoli.C’è una certa preoccupazione da parte di tutti perchè i nuovi nomi sono un po dei girovaghi del calcio e tutti e tre si fanno chiamare direttori e tutti e tre vogliono il comando delle operazioni.Tagliato fuori Gaglione perchè ad Agropoli si era affidato a persone sbagliate,messo da parte Abate costruttore di Torre Annunziata ha prevalso il rapporto tra Taccone e Cerruti.Taccone di fatto non compare ma per lui ci sono i nomi sopra citati ma che calcisticamente non vantano di ottimi curriculum.In special modo quello di Salvatore Napolitano  avvocato avellinese, più precisamente di Baiano.  Napolitano ha nel suo piedigrè i fallimenti di Chieti,Sorrento,Baiano ma può vantare di un’operazione di cui oggi si raccolgono i frutti.Ad inizio 2017 il padre Antonio rilevò la maggioranza del Potenza Calcio da Vangone e lui divenne amministratore delegato. Napolitano riuscì nell’intento di risanare le condizioni disastrose economiche che versava la società lucana prima di consegnare poi, la scorsa estate, la società a Caiata.Da Nocera lo fecero scappare prima della prima conferenza stampa.Degli altri due si sa poco o niente.Vuolo è stato revisore dei conti dell’Avellino calcio ed è il commercialista di Taccone e questo è il segnale chiaro ed evidente che Taccone fa parte integralmente ma non vuole comparire.

Cosa vengono  a fare ad Agropoli?Cerruti che ruolo avrà visto che è in minoranza?Lo stesso Cerruti ha già incassato la prima sconfitta,aveva proposto Squillante allenatore si è trovato Biagioni.C’è ancora  tanto caos.Molti giocatori si stanno rifiutando di accettare non convinti della validità del progetto.Taccone c’entra o non c’entra in questa società?

Il settore giovanile chi lo decide?Villani torna quasi sicuramente alla juniores nazionale,Ennio Polverino pronto ad avere un ruolo per gli allievi regionali,e tutta la struttura che va salvaguardata dai Migliaro a Voria a tutti coloro che hanno messo soldi e tempo in questi anni.

L’ultima auto esclusione dell’ex patron dell’Avellino è quella di dover rimanere ufficialmente fuori perchè la moglie non vuole che faccia calcio da nessuna parte,ma questo convince molto poco,come non convince la pressione di Taccone per posizionare i suoi uomini ammesso che lo sono. Taccone esca allo scoperto le mezze figure nel calcio come ella vita non fanno bene.Se taccone si fidava di Cerruti che bisogno c’era di far venire questi rispettabili signori? E qui che ci sovviene il dubbio.Alla vigilia del centanario ci sono pià ombre che luci sull’Agropoli calcio e nubi si addensano davanti al cielo che doveva essere sempre più blu dopo un ripescaggio importante e onorifico visto che non capita a tutti essere primi in Italia in una classifica speciale come quella dei ripescaggi.Un momento di grande imbarazzo vive l’Agropoli calcio senza Puglisi, sicuramente il migliore dirigente mai avuto ad Agropoli nel rispetto di moltissimi altri che nell’Agropoli hanno dato tempo,soldi e anche messo in discussione le proprie famiglie.Cerruti deve stare attento per quello che si sente  in giro in questi giorni.Un caos esagerato quello che l’Agropoli sta vivendo in questi giorni,senza chiarezza,senza niente e senza un progetto.Saremmo poi curiosi di sapere le quote sociali di Siciliano,Vuolo e Napolitano,quanto mettono nell’Agropoli? Hanno già messo sul tavolo le proprie cifre o si parte senza soldi e si arriva a dicembre con la squadra quasi fallita,Chieti docet vero Napolitano?La posizione di Puca e Punzo è  dentro il progetto secondo il sindaco.Noi diciamo a questi signori beneventuti ad Agropoli se hanno buone intenzioni e salvaguardano la storia dell’Agropoli.Ricordiamo loro che questa squadra è l’unica ad aver la stessa matricola dal1921 ad oggi,mai è fallita e rappresenta un vanto per la città di Agropoli,per il calcio campano e salernitano,che è prima in Italia nella classifica dei ripescaggi.Noi saremo qui a denunciare “cose storte”,saremo osannatori entusiasti se ci accorgiamo che si fanno le cose per bene.Taccone,Siciliano,Vuolo e Napolitano,se pensano che ad Agropoli c’è gente con l’anello al naso si sbagliano di grosso.Facciano bene a rendere tutto trasparente,tutto cristallino come l’acqua del mare di Agropoli,tutto limpido come il cielo azzurro di questa città.Se pensano di infangare la storia del delfino stiano bene attenti perchè denunceremo ogni atto.Sergio Vessicchio

Categories: SERIE D

About Author