UNO STREPITOSO CAMARA’ TRASCINA L’AGROPOLI,IL FASANO PAREGGIA NEL FINALE 2-2

UNO STREPITOSO CAMARA’ TRASCINA L’AGROPOLI,IL FASANO PAREGGIA NEL FINALE 2-2

L’Agropoli muove la classifica,lo poteva fare con una bomba da tre punti ma a 9 minuti dalla fine il Città di Fasano ha agguantato il risultato.L’Agropoli che non ti aspetti, tutta anima e cuore,un leader assoluto Camarà e tanta voglia di far bene.Il giocatore ha dato brillantezza oltre ad aver esaltato la squadra,l’ha  fatta elevare sotto l’aspetto tecnico e ha guidato i compagni pallone su pallone.Numerato poi a centrocampo ha fatto il resto.Un gocatorino eccezionale con tanta fantasia,molta praticità e molto senso del gioco di squadra.Ci sono poi le criticità.

 

La prima in assolto e l’imbarazzante presenza di Cozzolino,scarso.Non ha niente per essere schierato in serie D e forse nemmeno in ecellenza.Poi quella di Sollazzo,un 99 mobile ma buono per una squadra di promozione.Questi calciatori sono la spia per la retrocessione.Imbarazzante anche Acunzo i cui giochetti davanti alla difesa stanno condizionando il campionato dell’Agropoli.

 

Anche lui va parcheggiato anche perchè se stanno bene Sakate e Dampha,oggi assenti entrambi,il centrocampo si rafforza e con un Numerato a questi livelli la squadra può giocarsela.Bene la coppia difensiva Bonfini Sgambati precaria quella degi esterni,Costa e Guida non sono all’altezza,devono crescere ancora.Leonetti è un ottima soluzione ma oggi era in tribuna troppi errori di deconcentrazione la domenica precedente.E’ piaciuto il ruolo di Agate.La squadra ha avuto grinta e praticità e con almeno 4 innesti e una ripulita di pratiche e raccomandati può salvarsi.Procopio e lo staff sono di prima scelta.

LA PARTITA

I delfini sono partiti subito bene ma alla prima azione,sul filo del fuorigioco gli ospiti hanno colpito.Corvino si è presentato solo davanti a Serva e ha segnato.L’Agropoli ha reagito e,nonostante l’inferiorità tecnica rispetto ai pugliesi,ha giocato e lottato su  tutti i palloni arrivando al pareggio con Agate dopo uno scambio volante Camarà Sollazzo Camarà il cui cross veniva respinto basso e sul quale si avventava come un falco Agate,il tap-in era il pareggio.Subito dopo Sollazzo sfiorava il vantaggio di testa.Nella ripresa parte forte la squadra ospite ma è l’Agropoli a passare ispirata da uno strepitoso Camarà il quale da a Sollazzo il pallone del 2-1,l’attaccante irpino fa partire un rasoterra a filo d’erba che batte il portiere e fa esplodere il Guariglia.L’Agropoli lascia agli avversari il pallino del gioco i quali trovano il pareggio al 81′ con un tiro di punta di Diaz.Finisce 2-2 con la squadra dell’Agropoli che ha dato a Procopio delle indicazioni chiare e con gli ospiti forse un po troppo presuntuosi per aver sottovalutato un avversario che si sta riorganizzando.Il pareggio per l’Agropoli non deve essere  un punto di arrivo ma di partenza,guai a pensare come dopo Bitonto dove cominciarono i guai per l’Agropoli.Bisogna lavorare sodo e fare mercato.In questo modo il traguardo della salvezza si può raggiungere e il sereno può ritornare.Sergio Vessicchio

LA PAGELLA

Selva 6,5 subito titolare ha mostrato carattere e personalità anche se il comportamento prima dei rinvii non può essere considerato edificante.Sono pagliacciate che nel calcio non servono.

Costa 4 Non all’altezza della serie d,deve giocare nella juniores e crescere.

Guida 5,5 poca qualità,bene in fase difensiva,poco bravo negli scarichi.Comunque si è posizionato bene.

Numerato 7,5 Qualità,quantità,raziocinio,intelligenza questo under dal baricentro basso e dalle giocate da play vero ha dato sostanza al centrocampo dell’Agropoli dove Acunzi e Cozzolino erano latitanti.

Sgambati 6,5 un gigante sui colossi del Città di Fasano.Ha controllato benissimo e giocato in modo attento e preciso.

Bonfini 6,5 come Sgambati ha giganteggiato.E’ troppo bravo questo ragazzo con qualche amnesia ma con tanta qualità e quantità.

Camarà 8,5 ha dato peso e sostanza all’Agropoli,si è inventato giocate pazzesche e ha partecipato al gioco con superlativa capacità.

Acunzo 5 si specchia su se stesso,si crede un giocatore arrivato e la sua superficialità la fa pagare cara alla squadra.Ancora i suoi giochetti strani sui quali perde palla e condiziona la difesa.Un buon giocatore di eccellenza,questa categoria per lui è troppo grande.

Sollazzo 5,non raggiunge la sufficienza per poco perchè ha fatto il goal,ma questo è un altro che con la categoria non c’entra.Corre a vuoto,non ha fisico,ha una buona tecnica che gli consente di giocare il pallone e di tirare come ha fatto nell’occasione del goal.E’ un buon giocatore di promozione è inutile perderci tempo a meno che non si deve fare il piacere a qualcuno.

Cozzolino 1 la sua presenza è dannosa per la squadra,meglio giocare ad un in meno.Oggi in rosa meglio di lui nel ruolo in cui ha giocato Doto,,Siciliano,Semati tanto per citarne qualcuno.Si metta l’anima in pace chi lo raccomanda o lo sponsorizza.E’ scarso.

Categories: SERIE D

About Author