US SCAFATESE AMARANTE SI PRESENTA: SARO’ SOLO ALLENATORE, EVITARE LA RETROCESSIONE DIRETTA

US SCAFATESE AMARANTE SI PRESENTA: SARO’ SOLO ALLENATORE, EVITARE LA RETROCESSIONE DIRETTA

A fine allenamento, prima intervista da mister per Antonino Amarante. Botta e risposta interessante, prima di concentrarsi sul campo, cioè mettersi a caccia della salvezza

Mister, bisogna chiamarti solo così oppure anche calciatore ?

Scelta definitiva, ho deciso di smettere definitivamente i panni da calciatore. Ho già il patentino per allenare, manca solo il tesseramento della società come calciatore, appena ci sarà non potrò giocare neanche volendolo “. 

L’emergenza difensiva è grave. Sicuro che non serve un Amarante che passa da centrocampista a leader del pacchetto arretrato ?

” Lo escludo completamente. Anche se in questo momento ci mancano Cirillo, Amendola e Caiazzo. Contro la Puteolana, Marco Cuomo rimarrà ancora in difesa ed accanto a lui penso di scegliere uno tra Terlino e Procentese”.     

Si parte dal 4-4-2 ?

Penso proprio di sì, in questa fase non c’è tempo per inventarsi grandi cose. Una volta che Mattioli sarà al massimo, si potrà variare qualcosa, lo ritengo un elemento fondamentale “. 

Hai parlato con Pasquale Esposito ?

 “Abbiamo preso un caffè assieme. Il mister è contento e mi ha incoraggiato. Sono una sua creatura calcistica, sono stato negli ultimi anni l’allenatore in campo delle sue squadre, porterò in dote gran parte dei suoi insegnamenti ” .

Obiettivo numero uno ?

“Evitare la retrocessione diretta, possibilmente piazzarci in buona posizione playout per giocarci fino in fondo le nostre chance di salvezza. Ci credo, questo gruppo può e deve fare di più “.  

Non è la prima volta di una tua investitura a mister…

” Situazione diversa. Con l’Angri mi affidarono la squadra per gli spareggi playout, poi vinti contro il Sant’Antonio Abate. Partite da non sbagliare ma sapendo che avrei continuato a fare il calciatore. Qui rischio per la prima volta da allenatore, sarà un bell’esame ma io ho sempre saputo che prima o poi sarebbe arrivata la seconda vita calcistica, quella da mister. Diciamo che ho leggermente anticipato i tempi “.

Marco Mattiello

Categories: SERIE D

About Author