L’IRAN BATTE IL MAROCCO CON UN AUTOGOL AL 95′

Iran batte Marocco 1-0 (0-0), nella prima partita del Girone B di qualificazione dei Mondiali di calcio, disputata a San Pietroburgo.

Perdere su autogol e al ’95: peggio non poteva andare per il Marocco, tornato al Mondiale dopo 20 anni e sconfitto dall’Iran, un avversario non proprio come tanti (non con sono rapporti diplomatici tra i due Paesi). Una gara che sembrava ormai inchiodata sullo 0-0 è stata decisa da un improvvido autogol, in tuffo e di testa, di Bouhaddouz, sugli sviluppi di una punizione da fuori aerea. Eppure i ‘Leoni dell’Atlante’ avevano cominciato meglio, anche se la prima vera clamorosa occasione l’ha avuta Azmoun a fine primo tempo, sventata dal portiere marocchino. Nella ripresa, la partita si mantiene molto tattica, anche perchè con Portogallo e Spagna nel girone un punto non è da disdegnare. Si va a fiammate, e la più nitida capita a Ziyech che impegna severamente Beiranvand.
sembra un pareggio scritto, poi all’ultimo respiro Bouhaddouz fa il patarac condannando il Marocco per la secon da volta in due giorni: ieri dalla Fifa a ospitare il Mondiale 2026, oggi dall’Iran nell’esordio Mondiale atteso una vita.

Marocco (3-4-3): El Kajoui, Hakimi, Benatia, Saiss, Boussoufa, Ziyech, El Ahmadi, Harit (37′ st Da Costa), N. Amrabat (31′ st S. Amrabat), El Kaabi (32′ st Bouhaddouz), Belhanda. (1 Bounou, 22 Reda Tagnaouti, 15 Ait Bennasser, 13 Boutaib, 23 Carcela, 17 Dirar, 19 En-Nesyri, 11 Fajr, 3 Mendyl). All.: Renard.

Iran (3-4-3): Beiranvand, Pouraliganji, Cheshmi, Rezaeian, Shojaei (23′ st Taremi), Hajsafi, Ebrahimi (34′ st Montazeri), Ansarifard, Amiri, Azmoun, Jahanbakhsh (40′ st Ghoddos). (12 Mazaheri, 22 Abedzadeh, 21 Dejagah, 16 Ghoochannejdad, 19 Hosseini, 13 Khanzadeh, 5 Mohammadi, 2 Torabi). All.: Queiroz.

Arbitro: Cakir (Turchia). Rete: nel st 50′ Bouhaddouz (autogol). Ammoniti: Shojaei, El Ahmadi, Jahanbakhsh e Ansarifard per gioco falloso. Angoli: 5-2 per il Marocco. Recupero: 3′ e 6′. Spettatori:

** IL GOL ** – 50′ st: punizione di Haji Safi, sulla traiettoria interviene il nuovo entrato Bouhaddouz, che batte il proprio portiere, regalando la vittoria all’Iran e condannando il Marocco.