FALLIMENTO BARI: CANONICO STIZZITO DA STRISCIONE SOTTO CASA

FALLIMENTO BARI: CANONICO STIZZITO DA STRISCIONE SOTTO CASA

Alle ore 19 di Lunedì 16 Luglio, l’AS Bari ha cessato di esistere a causa di un fallimento che si sarebbe potuto evitare ma che alla fine è sopraggiunto causa l’impossibilità di ricapitalizzare almeno in parte il debito di 4,5 milioni. Insieme al Cesena, il calcio italiano saluta una delle più gloriose piazze italiane ed in particolare del sud. Nonostante il grande sconforto tra gli sportivi baresi, in città già si parlava della costituzione di una nuova società che sarebbe dovuta ripartire dalla Serie D, tuttavia il presidente del Bisceglie Nicola Canonico ha dato la possibilità alla città di Bari di ripartire dalla Serie C con il titolo della squadra nerazzurra. Le dichiarazioni del patron del Bisceglie ad Antenna Sud hanno scatenato un vero e proprio putiferio tra i tifosi del Bisceglie i quali si sono letteralmente scagliati contro il loro presidente che ha in pratica annunciato di voler mettere fine al Bisceglie calcio in favore del Bari. Ai malumori dei biscegliesi si sono uniti quelli dei baresi dato che tra le due tifoserie c’è sempre stata una certa sintonia dati i numerosi tifosi biscegliesi legati anche alle sorti del Bari. Non solo i tifosi del Bari hanno chiesto rispetto per il Bisceglie, ma stamane il presidente Canonico ha trovato uno striscione esposto sotto casa sua che lo invitava a stare lontano dal Bari. In un post pubblicato su Facebook, il presidente Canonico sembrerebbe aver cambiato idea circa lo spostamento del titolo a Bari, tuttavia la mossa di ieri ha comunque fatto crollare la fiducia dei tifosi del Bisceglie nel loro presidente ormai accusato di un vero e proprio tradimento. Per il momento sembrerebbe quindi assicurata la permanenza del Bisceglie in Serie C mentre per quanto concerne il Bari prenderebbe forma la pista Serie D con una nuova società. Francesco Nettuno

Categories: SERIE B, SERIE C

About Author