CALCIO CAMPANO ALLO SBANDO PIU’ TOTALE, ZIGARELLI L’EMBLEMA DELL’INCOMPETENZA

CALCIO CAMPANO ALLO SBANDO PIU’ TOTALE, ZIGARELLI L’EMBLEMA DELL’INCOMPETENZA

Vogliono ridurre il calcio campano in un torneo da bar solo per i propri interessi politici, vogliono accontentare tutti e racimolare più voti possibili per garantirsi la poltrona, questo è quello che stanno facendo Zigarelli e la Tambaro con la regia di Sibilia. Le loro proposte spazzatura da anticalcio puro ammazzeranno il calcio campano e di questo ne sono certi anche i tanti presidenti delle società che ci contattano ogni giorno manifestandoci le loro perplessità. Questi presidenti hanno paura di esporsi per paura di ritorsioni future durante la stagione calcistica, c’è da capirli dopo quanto successo all’Agropoli negli anni passati riuscita ad uscirsene dai soprusi della federazione solo grazie al ripescaggio. I presidenti lamentano il fatto che questo format spazzatura abbasserà vertiginosamente il livello qualitativo dei campionati e soprattutto che gli venga imposto senza essere interpellati. Una dittatura quella di Zigarelli che diventa l’emblema dell’incompetenza e della fame di potere.

Le società sanno benissimo che Zigarelli è vendicativo come il suo padrone Sibilia, sanno benissimo che ogni cosa deve avere il lasciapassare della Tambaro che pretende di entrare in tutte le questioni nonostante i danni fatti in questi anni. Il calcio campano è in mano a questa gente che decide del futuro delle società facendo il bello e il cattivo tempo ma con i soldi dei presidenti che sono obbligati a sovvenzionare anche le loro diarie d’oro. Nella testa dei presidenti la frustrazione di pagare per essere comandati e messi all’angolo è tanta, e dalla frustrazione si passa all’impotenza perchè sanno perfettamente che esporsi e dire la verità potrebbe costare caro durante l’anno calcistico. Una situazione vergognosa che solo noi denunciamo a gran voce perchè da sempre siamo una voce libera, fuori dal coro e che non scende a compromessi con nessuno nonostante minacce di ritorsioni future a squadre per le quali da sempre facciamo il tifo a noi vicine. Noi non ci stiamo, non abbasseremo la testa e denunceremo sempre il marcio del calcio, quello che succede e di chi lo comanda con i suoi giochi di potere. Bisognerà inventarsene un altra per cercare di gettare fango sul sottoscritto, bisognerà strumentalizzare un altra vicenda o inventarsene un altra ancora come quella della guardalinee per tapparci la bocca, ma non ci metterete il bavaglio perchè la verità è l’unica alla quale dobbiamo dare conto, non a Sibilia e Zigarelli. Sergio Vessicchio

Categories: DILETTANTI

About Author