CHOC POTENZA, CALCIATORI PICCHIATI AL RITORNO DA MANFREDONIA, DIMISSIONI IN MASSA DELLA DIRIGENZA E RISCHIO RITIRO DELLA SQUADRA DAL CAMPIONATO

Terrore allo stadio Viviani al rientro del Potenza dalla trasferta di Manfredonia.  Un gruppo di teppisti ha fatto irruzione sul pullman della squadra. Un episodio inaudito e mai accaduto nella storia del Potenza che non potrà avere che ripercussioni negative. Una piazza civile come Potenza indegnamente macchiata da chi si è fatto sfuggire la situazione di mano.

I FATTI – In un primo momento pareva che le intenzioni fossero quelle di un confronto. Sul torpedone sono salite non meno di una decina di persone, alcune a volto coperto altre no. Sono volate prima parole grosse, urla, ma soprattutto sono stati aggrediti diversi calciatori con violenza ingiustificata. I bersagli ben definiti alcuni calciatori, ma sono state colpite tutte le persone che si trovavano nella parte anteriore dell’autobus. Come hanno riferito i presenti, diversi calciatori del Potenza hanno dovuto far ricorso alle cure del 118, facendosi refertare. E’ stato necessario chiamare la Polizia e i Carabinieri. Sul posto anche personale della Digos. Le prossime ore serviranno alle forze dell’ordine per identificare i responsabili. Dinanzi agli spogliatoi il terrore soprattutto dei ragazzi più giovani, trattati nello stesso modo dei più grandi. Appena accaduti i fatti descritti l’intera dirigenza ha annunciato le dimissioni, ventilando il ritiro della squadra dal campionato.

Alfonso Pecoraro