EURO 2024 FINISCE IN PAREGGIO CROAZIA ALBANIA NEL GIRONE DELL’ITALIA

0

Pareggio rocambolesco per 2-2 e ricco di emozioni tra Croazia e Albania agli Europei nella seconda partita del gruppo B, quello dell’Italia.

Un pari che mette nei guai Modric e compagni che, dopo due partite, hanno soltanto un punto in classifica e vedono a rischio la qualificazione. Protagonista dell’incontro è l’albanese Gjasula che prima realizza una sfortunata autorete a 15′ dalla fine per il 2-1 a favore dei croati, poi in pieno recupero segna il pareggio definitivo al 50′ della ripresa tra l’entusiasmo delle decine di migliaia di tifosi albanesi ad Amburgo. In classifica Albania e Croazia salgono ad un punto, dietro agli azzurri e alla Spagna che sono in vetta con tre e si affronteranno domani. In chiave azzurra, quindi, diviene ancora più importante il risultato della sfida di domani in vista dell’ultima partita di qualificazione degli azzurri nel girone contro la Croazia. Quale che sia il risultato di domani, ai croati contro l’Italia servirà necessariamente una vittoria. Nel primo tempo gli albanesi avevano chiuso meritatamente in vantaggio per 1-0, grazie ad un gol di Laci, e sfiorato più volte il raddoppio.

Nella ripresa, invece, la Croazia ha dominato pareggiando prima con Kramaric e poi sfiorando più volte il secondo gol. Quindi l’autorete di Gjasula e l’incredibile pareggio nel quinto minuto di recupero. Dalic, che schiera un 4-3-3, si affida all’esperienza di Luka Modric e Ivan Perisic ed alla qualità a centrocampo di Brozovic e Kovacic. Silvinho mette in campo uno speculare 4-3-3 ma mescola le carte rispetto alla sconfitta con l’Italia, inserendo Laci e Manaj. L’Albania parte subito forte, come contro l’Italia di Spalletti, sorprendendo gli avversari. Anzi, le aquile di Tirana mantengono il possesso palla e attaccano. Dopo 3′ Asslan pesca Manaj che dal limite impegna la difesa croata in affanno. All’11 arriva il meritato gol dell’1-0. Asani crossa dalla destra favorendo l’inserimento del centrocampista che di testa supera Livakovski sul primo palo. L’Albania si affida quindi al contropiede. Ci pensa Sutalo a fermate Bajrami in scivolata da ultimo uomo. Brozovic prova ad alleggerire la pressione con un tiro dal limite alla mezzora ma la reazione croata non va oltre. Dopo pochissimo ancora Livakovic salva la Croazia. Modric perde palla. Asani libera Asllani in area ma il destro dell’albanese viene bloccato dal portiere croato. In chiusura le “aquile” sfiorano ancora il raddoppio: colpo di testa di Manaj che viene respinto ancora da Livakovic.

Dalic sostituisce Majer con Pasalic in attacco e Brozovic con Sucic a centrocampo. Proprio il neo-entrato sfiora il pareggio al 3′: il 21enne giocatore del Salisbrugo di sinistro impegna Strakosha. I croati spingono. al 12′ ci provano prima Sutalo e poi Petkovic. Dopo 2′ ci prova anche Modric ma l’Albania è un muro. Le aquile si affidano alle ripartenze con Asllani. Silvinho richiama Laci e inserisce Gjasula a centrocampo. Serve a poco. La Croazia spinge. Al 29′ arriva il pareggio, meritato: Kovacic sfonda al centro con palla al piede e serve Budimir. Assist per Kramaric che supera un incolpevole Strakosha. Passano 2′ e l’Albania si sgretola: sfortunato tocco di Gjasula che, su una concitata azione di Budimir, realizza una sfortunata autorete. L’Albania, come contro l’Italia, trova energie insperate nel finale e spinge sulle ali dell’entusiasmo dei propri tifosi. La partita sembra finire. L’arbitro assegna sei minuti di recupero. Ma al 50′ arriva l’incredibile gol di Gjasula che, alla prima rete in nazionale, fissa il punteggio sul 2-2 finale.

Lascia un commento