IL PUNTO SULL’ECCELLENZA CAMPANA di Maurizio Longhi

Il big match era quello del “Giraud”, dove il Savoia era chiamato al riscatto contro la capolista Herculaneum. Purtroppo si è giocato a porte chiuse, senza la presenze delle due tifoserie, il che ha reso l’atmosfera surreale. Ma in campo non c’è stata partita e la squadra di mister Squillante ha travolto i padroni di casa. La sonora sconfitta, ha fatto sì che si ufficializzasse ciò che era già nell’aria: l’esonero di Teore Grimaldi. Come previsto, il suo posto è stato preso dal Pampa Sosa che spera di mettersi alle spalle la brutta esperienza vissuta lo scorso anno sulla panchina del Sorrento rivitalizzando il depresso ambiente oplontino. Per i granata è stata una vittoria straordinaria, tant’è che, al rientro in città, una folta delegazione di tifosi ha atteso il pullman della squadra per i legittimi festeggiamenti. 0-4 il risultato finale, a testimonianza di una supremazia inequivocabile. Si è confermato anche il Portici, in una gara non facilissima contro il Gladiator, reduce da due vittorie consecutive. Già dopo i primi dieci minuti, le reti di Olivieri e Ioio avevano indirizzato la partita sul binario azzurro, la rete di Diana alla fine del primo tempo, non ha ringalluzzito i sammaritani che, nella ripresa, sono rimasti in dieci fino a subire il 3-1 di Scielzo. Ma oltre alla vittoria, è stato un Portici ancora una volta convincente che può consolidare la seconda piazza avendo inanellato l’ottavo successo consecutivo. Applausi anche per questa Boys Caivanese a cui mister Amorosetti ha conferito prima una massiccia dose di autostima e poi la consapevolezza del proprio potenziale. Non è un caso che i gialloverdi stiano spadroneggiando in ogni dove, sulla carta non era difficile imporsi in casa dell’Arzanese, fanalino di coda, ma questa squadra dimostra anche una certa maturità. Tutto da vivere il prossimo match che vedrà contrapposte Boys Caivanese e Portici, due squadre in grande forma che vogliono dare continuità ai risultati. I caivanesi tengono d’occhio il podio, mentre i vesuviani vogliono blindare il secondo posto. Da registrare la rinascita della Sessana che, dopo il blitz in casa del Mondragone, ha travolto con un pokerissimo lo Stasia provando a scalare qualche posizione in classifica.

Clamoroso a Sorrento. La capolista, dopo essersi aggiudicata lo scontro diretto contro il Città di Nocera si è impantanata a Palma Campania non riuscendo ad andare al di là del pari. È finito 1-1 il match contro la squadra di Soviero e, il risultato, ha contrariato così tanto la dirigenza costiera da indurla ad esonerare mister Turi per chiamare in sella Giovanni Ferraro. L’ex capitano proprio del Sorrento, dovrà traghettare i rossoneri in serie D, e non sarà facile perché il Città di Nocera non molla la presa. Con i gol di Carotenuto e Scibilia, i molossi hanno piegato il Massa Lubrense, sempre più in fondo alla classifica. In testa resta sempre il FC Sorrento, ma ora i nocerini si sono rifatti sotto ad un solo punto di distacco, la volata è sempre apertissima. Non si ha la sensazione che qualche squadra possa inserirsi nella corsa alla leadership, ma continua a sorprendere il San Vito Positano di mister Guarracino. Con un gol di Riso, è stata archiviata anche la pratica Ebolitana, una squadra che può vantare giocatori di un’altra categoria e che, dopo le due battistrada, è sicuramente tra le più attrezzate. Stupisce come non mai questa squadra che, da neopromossa, ormai può essere considerata la vera rivelazione del girone. Con una doppietta di Liccardi, il Montesarchio ha liquidato la pratica US Scafatese, mentre anche i canarini di mister Citarelli sono caduti in casa per mano del Faiano, squadra decisamente rognosa e scorbutica.