JUVENTUS TALISMANO KHEDIRA CON LUI IN CAMPO NESSUNA SCONFITTA

CREATOR: gd-jpeg v1.0 (using IJG JPEG v62), quality = 75

Rendimento Khedira: con il tedesco in campo i bianconeri non hanno mai perso. E’ lui il vero portafortuna di Allegri

Sono passati circa sei mesi dall’addio di Arturo Vidal, giocatore rimasto nella mente e nel cuore dei tifosi della Juventus. Al suo posto la dirigenza bianconera ha preferito puntare su un centrocampista d’esperienza, con molti trofei sul groppone e senza spendere cifre esorbitanti. Il giocatore in questione è Sami Khedira arrivato a parametro zero nella scorsa estate.Un po’ mediano e un po’ regista, Khedira è il classico centrocampista centrale dotato di ottimo fisico e altrettanto dinamismo che può ricoprire più ruoli della mediana: sa recuperare palloni interrompendo l’azione avversaria e riproporsi immediatamente con efficacia in avanti. Forse un po’ troppo macchinoso ma è pur sempre un giocatore dotato di una stazza importante. Tanta esperienza e buona tecnica di base fanno si che sia un punto di riferimento per i compagni fuori e dentro al campo, e pensare che al suo arrivo però, c’era più di qualche tifoso bianconero scettico sul suo rendimento, visto le non esaltanti prestazioni con la maglia del Real Madrid nelle ultime stagioni.Khedira ha messo tutti a tacere nel giorno del suo debutto in Serie A, quando la formazione di Allegri ha trovato la prima vittoria casalinga contro il Bologna. Esordio con una prestazione da stropicciarsi gli occhi: non solo ha servito l’assist per il pareggio di Morata, ma ha chiuso anche il match con la sua prima rete in bianconero. Insomma con il tedesco in campo, andando ad analizzare alcuni dati, emerge ancora di più quanto l’ex Real Madrid sia importante per gli equilibri e il rendimento complessivo della squadra di Allegri: 10 vittorie in 12 partite, senza mai perdere. Nelle altre due sfide, sono arrivati due pareggi contro Inter e Borussia Monchengladbach.Accantonato l’esperimento del 4-3-1-2, anche per l’assenza di un vero trequartista, Allegri sta continuando ad affidarsi al 3-5-2. Ad eccezione della sfida contro il Bologna, Khedira è stato schierato in un 4-3-3 da mediano davanti alla difesa, con il compito di contenere le offensive avversarie. Dopo il ritorno di Marchisio in mezzo al campo, il giocatore tedesco è diventato una mezz’ala con ordini ben diversi: difendere si, ma sfruttare anche gli spazi creati da Dybala e Mandzukic. Non a caso, la rete del 2-0 contro la Sampdoria, è frutto di un assist dell’argentino per il tedesco inseritosi tra le maglie della difesa blucerchiata.Bravo nel proteggere palla, attualmente è la colonna portante di un centrocampo che si affida alla sua capacità di leggere in anticipo l’azione. Un leader silenzioso che ha stupito anche i più critici. E per Allegri, Khedira è un vero e proprio talismano. Infatti, senza di lui in campo, la Juventus ha ottenuto 7 vittorie, 3 pareggi e ben 5 sconfitte con una media punti quasi dimezzata: da 2,7 si scende a 1,6.

Rendimento Khedira
Dati della Juventus con e senza Khedira in campo (fonte foto: opta)

La Juventus si gode il suo centrocampista. Allegri sin da subito ha creduto nelle qualità del tedesco come ha sottolineato in una recente conferenza stampa: “E’ venuto fuori alla distanza, ha grandi qualità tecniche e fisiche, è un giocatore di grande caratura internazionale. Non può aver disimparato a giocare“. Seppur di cristallo, con Khedira in campo, i tifosi bianconeri possono dormire sonni tranquilli. Un tabù che sperano non venga mai sfatato.