LA REPLICA DI SARRI A MANCINI: “MI E’ SFUGGITO UN INSULTO NON PARLATEMI DI OMOFOBIA, CIO’ CHE SUCCEDE IN CAMPO RESTA IN CAMPO”

LA REPLICA DI SARRI A MANCINI: “MI E’ SFUGGITO UN INSULTO NON PARLATEMI DI OMOFOBIA, CIO’ CHE SUCCEDE IN CAMPO RESTA IN CAMPO”

Maurizio Sarri, allenatore azzurro, ha parlato a Rai Sport riguardo quanto successo: “Mi ero innervosito per l’espulsione di Mertens, non ce l’avevo assolutamente con Mancini. Ho visto che si lamentava per i minuti di recupero e mi è scappata una parola, ma sono cose da campo e dovrebbero terminare lì. Sarebbe stato meglio se non fosse accaduto nulla, ma per me è stata una litigata da campo. Mi è sfuggito un insulto, gli ho chiesto scusa e lui era contrariato, mi aspetto che anche lui si scusi. Non mi parlate di omofobia o cose del genere, è un’esagerazione. Ero inferocito per l’episodio, non ce l’avevo con Mancini e la mia parola non aveva nessun secondo fine. Non ricordo cosa gli ho detto. Mi sembrava esigua anche l’entità del recupero. Dico che devono rimanere in campo queste cose perché c’è una tensione diversa di solito, non come nella vita normale. Era qualcosa che doveva finire in pochissimi secondi. Io non l’avrei fatta uscire dal campo, però accetto che un’altra persona la pensi diversamente. E’ stata un’offesa inopportuna, ma non è normale farle uscire dal campo. Io più di chiedergli scusa non so cosa fare, domani glielo ripeterò se mi procuro il numero. In campo ho sentito e visto di peggio, sotto stress può succedere. Non c’è nessun tipo di discriminazione, mi è sfuggito questo termine”.

Categories: CALCIO, SERIE A

About Author