PARTITE IN STREAMING, IL TRIBUNALE DA RAGIONE A MEDIASET ADDIO ROJADIRECTA

PARTITE IN STREAMING, IL TRIBUNALE DA RAGIONE A MEDIASET ADDIO ROJADIRECTA

Il classico blocco tramite DNS che solitamente gli operatori italiani utilizzano per impedire l’accesso a siti che violano le regole di copyright non è più sufficiente. Il giudice Paola Gandolfi del Tribunale di Milano ha stabilito infatti in un provvedimento del 13 gennaio 2016 che l’ordine di blocco deve «comprendere ogni attività di disabilitazione dell’accesso al sito internet in questione, sia ai DNS sia agli indirizzi IP associati». Una sentenza storica che chiude così una diatriba lunghissima, quella che vedeva opposta Mediaset ad alcuni operatori di telefonia che non avevano inibito per i propri clienti l’accesso al noto portale Rojadirecta. Dopo una prima vittoria contro Fastweb datata 18 novembre e dopo l’arrivo del provvedimento di attuazione scattato il 22 dicembre, arriva ora con una ulteriore sentenza il chiarimento su come dev’essere implementato questo blocco, e secondo il giudice deve trattarsi di un blocco assoluto.

Mediaset, nel comunicato stampa, esulta perché “mai prima d’ora, infatti, la magistratura civile aveva imposto a un fornitore di connessione internet di inibire ai propri clienti l’accesso a tutti gli indirizzi IP collegati a un sito, “Rojadirecta” nel caso in oggetto. Il provvedimento del Tribunale di Milano  – prosegue Mediaset – fornisce una tutela effettiva ai diritti esclusivi degli editori, individuando nei fornitori di connettività gli operatori più idonei a contrastare la pirateria digitale.

Una bella gatta da pelare: fino ad oggi gli operatori si sono limitati a eliminare i siti dai loro server DNS evitando così che gli utenti potessero raggiungerli. Un blocco leggero, come molti ormai sanno: se si utilizzano server di altri paesi o pubblici, come quelli noti di Google, i siti bloccati tornano raggiungibili.

Mediaset, a margine della sentenza, conferma che “farà valere questa decisione anche presso le Autorità regolamentari dove il tema del blocco degli IP è fondamentale per evitare che i provvedimenti del Garante possano essere facilmente aggirati”.

Si chiude quindi l’epoca del DNS e si apre l’epoca del firewall, quasi impossibile da saltare senza una VPN e in grado di colpire anche servizi con server privi di dominio (Acestream e Sopcast) utilizzati per vedere partite in diretta anche in qualità HD. Per la pirateria legata agli eventi in diretta questo potrebbe essere la mossa del KO.

Roberto Pezzali

About Author