SALERNITANA TORRENTE ALL’USCIO DECISO L’ESONERO

Sono momenti concitati in casa granata. Nella notte la situazione di Torrente è precipitata. L’allenatore,da tempo sul banco degli imputati,avrebbe le ore contate.La società avrebbe deciso per il cambio ma la notizia è tutta da verificare anche se le voci che si rincorrono e provengono da ambienti molto vicini al club sono molto critiche per il tecnico ormai andato in tilt.Telefoni spenti,Fabiani,Avallone e tutto l’entourage non sono rintracciabili. Lotito chissà dove si trova,Mezzaroma smentisce categoricamente. Un silenzio che grida quello dell’establischment granata.La sconfitta di Avellino è indigesta ma sono soprattutto le scelte del tecnico a far pensare. Un allenatore incapace di dare un gioco alla squadra,un trita giocatori  come nessuno è stato capace di incenerire una rosa importante e rischia di bruciare nel suo inceneritore anche i nuovi acquisti. Determinata la società questa volta a non lasciare che la squadra possa essere annientata dal tecnico,negli ambienti ritenuto molto scarso,incapace di mettere insieme una squadra e di valorizzare i giovani come avviene in altre parti.La serie B è diventato un serbatoio della massima serie ,l’Avellino,per fare un esempio, in poco tempo ha dato tre giovani  giocatori alla massima serie.La notte scorsa è stata insonne per il vertice granata,alla fine si è deciso di esonerare l’allenatore e questo potrebbe avvenire o nelle prossime ore o al prossimo errore del tecnico. Per salvarsi la squadra deve avere una media promozione e questo allenatore non sembra in grado di poterla dare.La squadra somiglia sempre di più al suo carattere,senza grinta,senza reattività e senza idee.L’impressione è che questa volta nemmeno Fabiani,che sta facendo un lavoro enorme sul mercato,ha potuto fare niente per salvarlo.La mazzata delle sostituzioni sbagliate nel secondo tempo di Avellino è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.Torrente è ormai in  lista di sbarco qualsiasi sia il risultato di Brescia. Ora c’è da aspettare tempi,modalità e sostituto. Il problema economico non si pone.I due allenatori a busta paga(Menichini e Torrente) non incidono molto sul bilancio e la spesa per un terzo allenatore sarebbe soltanto una piccola cifra rispetto al valore economico e non solo della permanenza in serie B.Non sappiamo chi è come potrebbe ancora salvare Torrente. L’esonero è ormai deciso e difficilemente questa volta i vertici granata torneranno sui propri passi.Sergio Vessicchio