Maurizio Sarri si ritiene “un uomo fortunato” perché è riuscito ad emergere partendo dal basso, da zero, dalla gavetta. Lo sottolinea spesso e non ha perso occasione neppure ieri, in conferenza stampa, dopo la bella vittoria sulla Lazio, quella che ha permesso al Napoli di blindare il primo posto: “Sono stato spesso al vertice, ma in Serie D o in Serie C2. Quando uno arriva da lontano è difficile arrivare ai grandi livelli. Mi ritengo fortunato, quello che è successo a me succede a poche persone. Ci vuole bravura ma anche tanta fortuna. Ho conosciuto tantissimi allenatori bravissimi nei dilettanti o in Serie C e questo posso garantirtelo, ma spesso è difficile emergere perché le difficoltà sono enormi. Cerco di essere naturale, senza maschere”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: