SERIE C RIVOLUZIONE,RIAMMESSI I CLUB RETROCESSI MA VIRTUSI.PARLA GHIRELLI

SERIE C RIVOLUZIONE,RIAMMESSI I CLUB RETROCESSI MA VIRTUSI.PARLA GHIRELLI

“Abbiamo dato una nuova direzione al nostro calcio. Siamo ad una svolta e con unità di intenti viene segnato un nuovo percorso che mette al centro la sostenibilità economica e le regole – ha dichiarato Francesco Ghirelli, Presidente della Lega Pro al termine dell’Assemblea dei club, che si è svolta a Firenze – dobbiamo passare dallo stare insieme ad un progetto unitario, a partire dall’attuale sistema delle liste che impone limitazioni di età e che è stato più volte modificato nel corso degli anni ma non ha portato risultati apprezzabili: né in ordine alla crescita di giovani talenti, né allo sviluppo dei nostri settori giovanili, né alla sostenibilità economico-finanziaria della categoria”.

Il Presidente Ghirelli ha affermato: “Da un lato alcuni club puntano sul quasi esclusivo utilizzo di giovani ‘valorizzati’ in prestito dalle Leghe superiori, e quindi il numero di over deve essere limitato, mentre altri ritengono che la limitazione dell’impiego di calciatori over incida negativamente sulla ‘qualità’ del campionato.

La capacità lungimirante di una governance vera è quella di anticipare i cambiamenti in atto. Dobbiamo accompagnare i nostri club in un processo che porti alla crescita dei calciatori del proprio settore giovanile e avviare così un processo di patrimonializzazione”.

Ghirelli ha proposto ai club unasvolta. “Per arrivarci ci vuole un atto di coraggio partendo da un presupposto: non deve esserci nessuna limitazione di età ma l’introduzione di una lista con un massimo complessivo di 6 calciatori per ogni club (ai fini del calcolo del minutaggio fanno parte le prestazioni sportive di 4 calciatori  per gara), il cui tesseramento sia a titolo di cessione o trasferimento temporaneo da parte di società di A e B una soglia di minutaggio minima e una massima per ogni gara per l’accesso alla contribuzione.

Questo cambiamento radicale va incontro alle varie esigenze dei club. Chi investirà nella rosa dei calciatori senza impegnarsi nello sviluppo della mission non avrà diritto alla contribuzione legata al minutaggio, mentre chi investirà sui giovani, facendo giocare i propri, e un numero selezionato di calciatori prestati dalle serie maggiori, si vedrà riconosciuta una contribuzione più consistente”.

“Con questa scelta teniamo unita la Lega Pro con la sua ‘diversità’ che è una peculiarità e una ricchezza – ha concluso il Presidente Ghirelli – ci sono  squadre che considerano la nostra Lega come un passaggio per la Serie B e altre, che sono lo zoccolo duro, che restano e sviluppano la politica dei giovani puntando su di loro.

Anticipiamo le nuove politiche sui prestiti governandone la fuoriuscita. La nostra è una proposta di cultura imprenditoriale e la base di partenza deve tener conto di fattori determinanti quali la riduzione dei costi, l’aumento dei ricavi, la defiscalizzazione, la crescita dei giovani calciatori e la riforma del campionato.

Le risorse sono necessarie per realizzare la mission della Lega Pro e poter essere la Lega dei pulmini, della formazione e del territorio a tutti gli effetti. Le società valuteranno in questi mesi eventuali azioni da porre in essere, prima dell’inizio della prossima stagione, qualora le risorse necessarie ad attuare compiutamente la mission giovani non venissero loro riconosciute”.

I PROVVEDIMENTI DI OGGI

“E’ un grande risultato per noi, perché la modifica dell’articolo 49 consente la riammissione dei club virtuosi retrocessi e abbiamo ottenuto quanto in Assemblea ci siamo impegnati a fare” ha dichiarato Francesco Ghirelli, Presidente della Lega Pro, al termine del Consiglio Federale che si è svolto oggi a Roma. Cambia quindi l’articolo 49.

Nel caso in cui  “dopo la disputa dei playout e prima della scadenza del termine per presentare la domanda di iscrizione indicato nel Sistema Licenze Nazionali, si verifichi una delle seguenti circostanze:

A) dichiarazione di fallimento di una società partecipante al Campionato di serie C;

B) sanzione da parte degli organi di giustizia sportiva che comporti l’esclusione di una società dal Campionato di Serie C;

C) sanzione da parte degli organi di Giustizia Sportiva che comporti il collocamento di una società all’ultimo posto in classifica del campionato di Serie C;

D) rinuncia da parte di una società a presentare domanda di iscrizione al campionato di Serie C successivo; in luogo delle società che si trovino in una delle predette fattispecie, potranno richiedere di essere riammesse le società che all’esito del campionato Serie C risultino retrocesse alla Lega Nazionale Dilettanti, che saranno individuate secondo criteri deliberate dal Consiglio Federale”.

“E’ un’altra conquista importante nel percorso di cambiamenti e di nuove regole per dare una svolta dopo questo terribile campionato e a tutela dei club virtuosi” ha concluso  il Presidente Ghirelli.


WWW.CANALECINQUETV.IT

Categories: SERIE C

About Author