STADIO DIRCEU-AGROPOLI, POLEMICA CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

STADIO DIRCEU-AGROPOLI, POLEMICA CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Pagare il fitto non basta, bisogna provvedere anche alla manutenzione e alla pulizia dello stadio Dirceu. Il fallimento della Multiservizi crea i primi disagi alle società sportive. È il caso di una squadra di calcio di Agropoli. Pochi giorni fa, i dirigenti cilentani hanno chiesto al Comune di poter effettuare una partita di calcio allo stadio Dirceu. Il Comune ha presentato il conto. I dirigenti hanno pagato 250 euro all’ufficio patrimonio, immaginando di trovare il campo pronto. Agli organizzatori dell’incontro di calcio, invece, è stato spiegato che i 250 euro per il fitto non contemplano la pulizia degli spogliatoi, il disegno delle strisce bianche sul rettangolo di gioco e le altre opere di manutenzione. «Dovete provvedere a vostre spese per le strisce bianche e gli spogliatoi» è stato spiegato ai dirigenti della squadra agropolese. La richiesta è parsa inusuale. Pagare 250 euro per avere un campo di calcio senza le strisce bianche, senza il centrocampo e l’area di rigore, è parsa una pretesa un po’ troppo gravosa. Il rischio è evidente, a queste condizioni lo stadio Dirceu perderà “clienti” (le squadre di calcio) con il trascorrere dei mesi. L’amministrazione Cariello dovrebbe trovare a breve una soluzione. Perchè insieme alle strisce bianche sul tappeto verde, bisogna anche innaffiare e tagliare l’erba del rettangolo di gioco. Altrimenti il Dirceu rishierà di trasformarsi un’immensa prateria di degrado e di disservizi.

Categories: DILETTANTI, SERIE D

About Author