ALLEGRI AL CAPOLINEA IL NAPOLI TRAVOLGE LA JUVENTUS 5-1

0

Fate presto esonerate questa schifezza di allenatore. Ha presentato un altro epoclae sfascio dopo quello di Champions league prendendo 5 goal a napoli e gli è andata bene. Sin dalle prime battute si è visto che nulla andava per il verso giusto. L’atteggiamento della squadra remissivo e privo di ogni reattività è subito finito sotto la pressione del napoli, la capolista ci ha messo poco a sfondare, troppo tenue la difesa bianconera schierata giustamente a 3 ma uno contro uno con Danilo, Alex Sandro messi in ridicolo dagli avversari. Oshimen ha fatto la parte del leone.  Al 14′ il gol del vantaggio degli azzurri è merito di Kvaraskhelia  esterno d’attacco di Spalletti che si fa trovare a centro area e conclude l’azione con una sforbiciata. Szczesny devia come può e sulla ribattuta si avventa Osimhen che insacca con un colpo di testa. la Juventus replica e prende il palo con Di Maria, la traversa,l’incrocio dei pali, e Milik sbaglia il pareggio di testa solo davanti al portiere.  Al 41′ un rimpallo in area di rigore tra Zielinski e Kim favorisce l’argentino che manda il pallone in rete con un rasoterra. Nonostante lo svantaggio Allegri non modifica l’impostazione della gara e viene punito nuovamente al 38′. L’impreparazione di Chiesa a svolgere compiti da terzino è ancora più evidente in questa circostanza. Osimhen si libera sulla destra di Bremer e serve il georgiano il quale, senza opposizione della difesa juventina, insacca con un tiro rasoterra.

 

 

Nel finale di tempo i bianconeri accorciano le distanze grazie a un’iniziativa di Di Maria sulla destra. Al 41′ un rimpallo in area di rigore tra Zielinski e Kim favorisce l’argentino che manda il pallone in rete con un rasoterra. Il tempo si chiude con un miracolo di Meret e pareggio sfiorato ma il vantaggio del Napoli è meritato.La Juventus in campo non c’è. Il secondo tempo è da incubo per la Juventus. Al  9′  il Napoli ristabilisce le distanze. Il gol arriva da un calcio  calcio d’angolo battuto da Kvaraskhelia con Rrahmani che raccoglie dal lato opposto e scaraventa il pallone in rete con un gran tiro di destro. La Juventus accusa il colpo e il Napoli diventa padrone del campo più di quanto non lo fosse stato fino a quel momento. Le azioni in velocità degli uomini di Spalletti mettono ripetutamente in crisi la retroguardia avversaria e Osimhen e Kvaraskhelia diventano quasi immarcabili. Il duo d’attacco del Napoli al 19′ confeziona il quarto gol. Il georgiano pennella un traversone sulla testa del nigeriano che devia in rete il pallone. Il Napoli insiste e al 26′ va in gol anche Elmas che entra in area e calcia verso la porta. Il pallone, deviato da Alex Sandro, si insacca alle spalle di Szczesny.. Finisce in trionfo per il Napoli e in disonore per la Juventus, anzi per Allegri, uno scandalo umano.Sergio Vessicchio

Lascia un commento