FACCIAMO CHIAREZZA SUI CONTI SBAGLIATI E GLI IMBROGLI FINANZIARI DELL’INTER

0
Moratti su Zhang: 'Inter in buone mani'. I messaggi di Zanetti, Spalletti e  Icardi|Primapagina | Calciomercato.com
Molti tifosi Interisti confondono l’iniziativa di JDENTITA’ BIANCONERA, che da tifoso ringrazio pubblicamente per istanze che dovrebbero interessare tutti e non solo la tifoseria Juventina, con la questione debiti.
Ora premesso che i debiti attuali dell’Inter altro non sono quelli di Moratti ereditati da Thohir, passati a Zangh oggi a Oaktree, che nel 2021 l’Inter ha dovuto ricorrere al famoso prestito per evitare il fallimento e pagare gli stipendi nell’anno dello scudetto di Conte, stipendi pagati in ritardo senza conseguenze grazie a una deroga della lega ma che è costato, come tutti sappiamo, il passaggio di mano della proprietà della società che alcuni media hanno fatto passare quasi come una normale compravendita con scenari, idilliaci quanto alla gestione futura.
Ma questa è un’altra storia.
Quali sono le perplessità sollevate, grazie all’esposto di Jdentità Bianconera, con riferimento alle società Grand Tower Sarl e Lion Roch sarl?
Nel confessare che fino a pochi giorni fa non conoscevo queste entità giuridiche che di fatto detenevano il 99,6% delle quote dell’inter abbiamo appreso, (vi assicuro che è scritto in italiano comprensibile e non bisogna essere esperti di contabilità e bilanci) dalle note integrative al bilancio consolidato del 2023 di FC Internazionale, esattamente nel paragrafo “continuità aziendale”, che la Grand Tower sarl, detentrice del 68,5 % delle quote dell’inter, si era impegnata a garantire la liquidità necessaria ad assicurare la continuità aziendale fino al 31 ottobre 2024. Dal bilancio del 2021 di questa società, pubblicato solo il 29 aprile 2024, abbiamo appreso altresì un passivo di ben 600milioni e poche migliaia di euro di liquidità di cassa.
Certamente parliamo del bilancio del 2021 mentre per le valutazioni definitive bisogna aspettare le risultanze dei bilanci del 2022 e, soprattutto, del 2023 ma qualora venisse riscontrato ancora passivo e mancanza di liquidità di cassa si dovrebbe concludere per la mancanza delle condizioni di continuità aziendale requisito richiesto anche ai fini dell’iscrizione al campionato.
Quindi nessuno ha sostenuto che ci sono irregolarità ma semplicemente di vagliare e verificare queste circostanze.
Capitolo Lion Rock sarl
Questa società, come sostenuto da Inter e FIGC, a maggio 2024 risultava e risulta possedere il 31% delle quote dell’Inter. Il dubbio sulla veridicità di queste affermazioni è sorto perchè qualche socio della stessa “avrebbe” dichiarato il disimpegno dalla partecipazione azionaria già ne 2021 e, contestualmente, risulterebbe che la stessa società è stata cancellata dal registro delle imprese delle isole Cayman, circostanza di rilievo perchè la normativa vigente prevede, pena sanzioni, la comunicazione di cessioni azionarie superiori al 10%.
Anche in questo caso nessuno ha puntato il dito contro nessuno, ma semplicemente è stato chiesto di verificare e accertare, in trasparenza, i documenti e chiarire ma non sulla “parola e/o fiducia”, qualcuno potrebbe dire PIACCIA O NON PIACCIA E’ TUTTO REGOLARE e, comunque, prima che a qualcuno venga in mente di accendere un falò nel cortile della lega (vedi dichiarazione Cellino), senza consentire l’emanazioni di norme in sanatoria (vedi Recoba e pagamento stipendi), senza possibilità alcuna di occultare e insabbiare (vedi telefonate Facchetti).
Tutto questo al netto di una libreria acquistata a due euro e iscritta in plusvalenza per 25 milioni, la valutazione dell’emblema dell’inter in bilancio di 90 milioni, le plusvalenze dei ragazzini scambiati con l’atalanta per 90 milioni, la rateizzazione di 60 milione di tasse allo stato fino ad arrivare allo sponsor fantasma per altri 30 milioni.

Lascia un commento