L’AGROPOLI TORNA PROTAGONISTA 2-0 AL SANTA MARIA LA CARITA’ ARBITRO DONNA CONTESTATA

0

 

La peggiore in campo è stata l’arbitro donna la signorina Cuozzo di Sala Consilina non perchè donna ma perchè era praticamente scarsa come tanti arbitri uomini in una categoria ormai allo sbando a tutti i livelli come raccontano le cronache non solo di questi tempi dalla serie A alla terza categoria. L’Agropoli ha giocato una gran bella partita davanti ad un’avversaria decisamente tonica e allenata benissimo da Mario Di Nola allenatore molto bravo. I delfini nel primo tempo rischiano solo in un occasione con un tiro dalla distanza che lambisce il montante sinistro della porta difesa da Ragone, la manovra dei padroni di casa era fluida e redditizia fino all’area di rigore dove però l’assenza di Capozzoli e quella di Onesto si facevano sentire in maniera determinante anche se Rimoli esaltava il gioco dell’Agropoli ma Corado si confermava il bidone che è. Anche l’assenza di Calvanese pesava molto ma Sannia I non lo ha fatto rimpiangere più di tanto. Buona la prestazione a centrocampo di Chumak il regista Ucraino il quale sembra essersi bene inserito nella rosa e a centrocampo ha dettato i tempi benissimo. I delfini arrivavano con estrema semplicità davanti alla porta avversaria, Gaita prima e Rabbeni poi in due circostanze diverse hanno sbagliato goal facili.

 

Gaita sta crescendo, il centrocampista irpino sta tornando ai suoi livelli e tutta la squadra ne beneficia. Il problema resta Sannia II, non si sa per quale grazia ricevuta questo ragazzo va ancora  in campo, è scarso. La partita si sblocca nel secondo tempo non prima che gli ospiti hanno reiteratamente protestato contro l’arbitro donna per una mancata espulsione. Rimoli sblocca su calcio di punizione da limite, mentre dagli spalti la gente grida di non battere per la bariera troppo vicina il talentuoso calciatore partenopea caccia dal cilindro una punizione di grandissima levatura tecnica e il suo mancino va nell’incrocio dei pali, una prodezza balistica avrebbe detto il mitico Sandro Ciotti di una bellezza esagerata. Esplode il Guiariglia, fra l’altro la stessa prova di Rimoli a ridosso delle due punte aveva dato ampi spunti di bel gioco con aperture, cucitura del gioco e numeri di alto livello. L’Agropoli replica poco dopo, mostruoso Gaita a centrocampo supera un paio di avversari in dribling e in corridoio da a Rabbeni il pallone del raddoppio. Partita chiusa, manco a dirlo, i delfini protestano ed ottengono per  un fallo di mano a portiere battuto il calcio di rigore, l’arbitra non lo vede e l’assistente la richiama rigore ed espulsione ma sbaglia il giocatore, invece di espellere il numero 22 Greco, tra i migliori in campo e autore del fallo di mano, caccia il numero 3 Frulio. Suo dischetto va mister bidone Corato conclusione debole il portiere para in due tempi.Vibranti le proteste prima dell’Agropoli e poi del Santa Maria la carità. Nel finale la partita cala nel ritmo e l’Agropoli incamera tre punti importanti ma non determinanti, i play off sono quasi irraggiungibili a meno di un finale di stagione strepitoso, al momento è disco rosso. Sergio Vessicchio

LE PAGELLE

Ragone 6 ordinaria amministrazione

Pelliccia 5 gioca sempre meno bene, non partecipa all’azione, non fa la diagonale come deve, non si sovrappone e non difende come deve peraltro è anche molto impreciso nello scarico.

Raucci 4,5 una sola sgroppata in slalom conclusasi con un tiro debole, poi la sua prestazione è stata vergognosa come tutto il suo campionato.

Chumak 7 a organizzato benissimo tutto il gioco della squadra, preciso, dinamico, metodico, si è inserito bene, la squadra l’ha sta facendo crescere lui

Romanelli 6,5 ordinaria amministrazione, ottime chiusure e tanta qualità e quantità.

Sannia I 6,5 preciso, attento, temporeggiante al punto giusto ha sempre o quasi anticipato gli avversari rendendo vano l’attacco avversario

Sannia II 4 impalpabile, mai nel vivo del gioco, mai con uno scarico sereno, gironzola per il campo come una pecora smarrita, quando ha sui piedi la palla del 3-0 tira debole e il difensione fa rigore con la mano ma è l’unica azione degna di nota.

Gaita 7 sta tornando ai suoi livelli e la squadra ne sta beneficiando, il secondo goal è molto merito suo, sbaglia un goal nel primo tempo, ma gioca divinamente.

Rabbeni 7 Impalpabile nel primo tempo cresce a dismisura nella ripresa, segna, apre, fa salire la squadra, caccia l’esperienza quella determinanta per far salire il quoziente della compagine.

Rimoli 9 colpo da campione su calcio di punizione apre la marcature ma questo goal è indescrivibile bisogna vederlo nelle immagini. Poi ha tenuto alto il ritmo della squadra, ha giocato benissimo alla sua maniera.

Corato 4 un ecotplasma, sbaglia goal, passaggi, posizioni e anche il calcio di rigore, a nostro avviso va allontanato dalla squadra è nocivo.

 

Lascia un commento